LA POSTA DEI LETTORI / Famiglie e studenti godesi in difficoltà a causa dei nuovi orari Trenitalia

Più informazioni su

Continuano incessanti le segnalazioni da parte di pendolari e famiglie in difficoltà in seguito alle variazioni operate da Trenitalia per quanto concerne gli orari che entreranno in vigore dal 9 dicembre 2018. Sabrina Bigucci, mamma di due ragazze residenti a Godo che studiano a Lugo ha comunicato lo stato di emergenza in cui versano ora le studentesse: “Tanti del comune di Godo hanno scelto scuole di Lugo (rispetto a Ravenna o Faenza) anche per gli orari che sono attualmente in vigore. Ora, ad anno scolastico iniziato e dopo aver pagato centinaia di euro per abbonamenti annuali, veniamo a conoscenza di questa variazione, presa evidentemente senza tener conto delle esigenze dei pendolari”.

La madre ha diffuso il suo messaggio essendosi ritrovata con la sua famiglia in una situazione molto difficile da affrontare, disagio peraltro molto diffuso nell’intera Romagna: “Scrivo per una emergenza che mi trovo ad affrontare e di cui sono venuta a conoscenza solo oggi: dal 9 dicembre entreranno in vigore i nuovi orari dei treni che comporteranno stravolgimenti notevoli per tutti gli studenti che utilizzano la linea Lugo-Ravenna e in particolar modo per coloro che, come le mie figlie, scendono in stazioni più piccole come Godo. Infatti, dal 9 di dicembre, il treno in direzione Ravenna partirà alle 11.48 e alle 13.48 e, con un orario scolastico che termina alle 11.50 o 12.50, i ragazzi non riusciranno più a prendere il treno in partenza ma dovranno attendere un’ora oppure uscire prima ogni giorno. Quel che è peggio è che questi treni non faranno più fermata a Godo ma solo a Russi e pertanto si renderà necessario un ulteriore trasporto in auto da e per la stazione di Russi (genitori potendo) per evitare di dover partire un’ora prima e rientrare 2/3 ore dopo con viaggi di circa 1 ora e cambio del treno. Faccio presente che un punto di forza di Lugo per chi proviene dal Comune di Russi è sempre stato anche la comodità dei servizi di trasporto”.

Più informazioni su