Quantcast

Resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Nei guai un uomo di 45 anni

Più informazioni su

La Polizia di Stato comunica di avere arrestato un 45enne cittadino nigeriano senza fissa dimora per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale e lesioni personali. Il 24 dicembre nel pomeriggio un equipaggio della Sezione Volanti del Commissariato di P.S. di Faenza è intervenuto presso la stazione ferroviaria per un’aggressione subita da una Capo treno da parte di un passeggero che era sprovvisto del biglietto. 

A bordo di un intercity in transito, la Capo Treno aveva infatti individuato uno straniero privo del regolare biglietto motivo per il quale procedeva alle relative contestazioni. L’uomo, come confermato da altri testimoni dell’accaduto, iniziava ad inveire colpendo la Capo Treno con un pugno al viso per fortuna solo di striscio; una volta giunto alla stazione di Faenza l’uomo è sceso dal treno e si è dato alla fuga.

L’uomo è stato individuato pochi minuti dopo all’interno della sala d’aspetto della stazione. Alla richiesta di declinare le proprie generalità, l’uomo ha cercato di sottrarsi e ha simulato un malore per far intervenire il 118 con un’autoambulanza riferendo fra l’altro di avere una malattia infettiva. Dopo gli accertamenti sanitari, che risultavano tutti negativi, e le dimissioni dall’Ospedale di Faenza, il 45 enne stava per essere portato in Commissariato per gli accertamenti del caso, quando ha colpito un agente con una testata al torace – causandogli lesioni alle costole giudicate guaribili in giorni 15 – e ha cercato di mordere il secondo al polso.

Per questi motivi il nigeriano è stato dichiarato in arresto per resistenza, violenza e lesioni a P.U. e trattenuto nelle camere di sicurezza del Commissariato di Faenza in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto. Il giorno di Natale il Giudice Unico di Primo Grado del Tribunale di Ravenna ha convalidato l’arresto e fissato la celebrazione del processo al 21 febbraio prossimo: l’uomo nel frattempo è sottoposto al regime della custodia cautelare in carcere.

Più informazioni su