Ponte Nuovo, stop ai camion in via Dismano: chiesto telelaser che misura dimensioni dei veicoli

Più informazioni su

Per impedire il passaggio dei mezzi pesanti non autorizzati in via Dismano, a Ponte Nuovo, il Comune di Ravenna sta lavorando all’istallazione di un telelaser che invece di misurare la velocità, misura le dimensioni dei mezzi pesanti. La notizia è riportata dal Corriere di Romagna in edicola oggi, giovedì 7 giugno.

Il transito di mezzi pesanti, soprattutto tra le 4:30 alle 7:30, in quella strada di Ponte Nuovo crea da anni disagi ai residenti, che si svegliano di soprassalto con i vetri che vibrano al passaggio dei camion, e situazioni di pericolo alla viabilità. 

“Dopo aver avvisato le forze dell’ordine che però non possono garantire un controllo costante, ci siamo rivolti al Comune per chiedere il divieto assoluto al transito di mezzi pesanti se non autorizzati. I tecnici comunali hanno accolto la nostra richiesta e messo a punto un progetto innovativo per controllare gli accessi, soluzione che speriamo parta il prima possibile – dichiara Franco Ravaioli, presidente del Comitato cittadino di Ponte Nuovo e Madonna dell’Albero -.Abbiamo segnalato situazioni di pericolosità, compresa quella di un camion che spesso all’alba taglia addirittura di netto la rotonda delle tartarughe. Sono molti i camion che passano da Ponte Nuovo per andare verso il porto per risparmiare chilometri, ignorando il divieto esistente”.

Oggi c’è già una regola che vieta il passaggio dei camionspiega il sindaco Michele de Pascale durante un incontro pubblico alla Sagra del Ponte -,ma il divieto presente in via Dismano viene ignorato e questa è una vergogna. Va quindi trovata una soluzione definitiva che consiste in un velox che misura le dimensioni dei camion, un sistema che riesce a leggere se il mezzo va dritto oltre la zona interdetta.”

“Abbiamo chiesto l’autorizzazione al Ministero per l’approvazione di questo telelaser. Va detto però che l’iter autorizzativo è complicato perchè come Comune dobbiamo dimostrare che quella è l’unica soluzione possibile. Nell’attesa di ricevere risposta dal Ministero, abbiamo dato incarico alla polizia municipale di aumentare i controlli di prima mattina” conclude de Pascale.

Più informazioni su