Molino Spadoni SpA si aggiudica all’asta lo storico Molino Lovatelli per 650 mila euro

Più informazioni su

Continua la campagna acquisti di Leonardo Spadoni e di Molino Spadoni SpA a Ravenna. Dopo l’apertura di Casa Spadoni nella zona di San Vitale, l’acquisizione della Cà del Pino fra Ravenna e Marina Romea e, soprattutto, dopo il progetto di ristrutturazione del Mercato Coperto portato avanti insieme a Coop Alleanza 3.0 – ormai in dirittura d’arrivo – ora la Molino Spadoni SpA si è aggiudicata all’asta giudiziaria di giovedì 26 giugno, per 650.000 euro, lo storico Molino Lovatelli nel Borgo San Rocco. 

L’edificio fu costruito nei primi decenni del XIII secolo, quando ancora il fiume Montone lambiva le mura del bastione del borgo. L’edificio è stato recentemente al centro dell’attenzione del FAI Fondo Ambiente Italiano – come luogo del cuore – che sul suo sito lo descrive così: “Il “molino nuovo”, oggi noto come “Molino Lovatelli”, era già esistente nel 1237 e utilizzava il canale proveniente dal fiume Montone che lambiva le mura del bastione del borgo San Rocco. Lo slargo che fronteggia l’edificio è traccia del corso d’acqua che movimentava le pale del mulino. Il mulino è costituito da due corpi di fabbrica rettangolari accostati, a due livelli fuori terra, più un sottotetto abitabile e un piano di fondazione costituito da archi in muratura attraverso i quali passava il canale ed oggi interrati. Esternamente si presenta con una facciata intonacata, finestre regolari e tetto a falde con manto in coppi.”

L’immobile comprende due piani e un sottotetto, per un totale di 1.550 metri quadrati. Il 26 giugno, quella di Molino Spadoni SpA è stata l’unica offerta pervenuta. 

“Abbiamo voluto acquisire un pezzo di Ravenna che non volevamo andasse disperso. – ha dichiarato Leonardo Spadoni – Ancora non c’è un progetto preciso per la destinazione di questo grande spazio di pregio, vedremo meglio dopo i lavori di qualificazione che dovranno essere fatti in accordo con la Soprintendenza. Per ora ci concentriamo sul nostro progetto più importante, l’imminente apertura del nuovo Mercato Coperto di Ravenna.”

Apertura prevista a settembre. Ma già il prossimo mercoledì 3 luglio, alla Biblioteca Classense, c’è un appuntamento di avvicinamento alla tanto attesa apertura con la presentazione della ricerca storica commissionata da Coop Alleanza 3.0 – alla quale Molino Spadoni ha collaborato, con il patrocinio del Comune – sulla storia e sulla ristrutturazione dello storico mercato della città.

L’asta del 26 giugno riguardava i beni della Acc Società Cooperativa, inserita tra le procedure concorsuali del Tribunale di Ravenna. Come ci ha confermato Fabrizio Rubboli Amministratore delegato di Acc la cooperativa aveva acquisito il Molino Lovatelli – tramite permuta – dall’immobiliarista Casalboni, presso il quale Acc vantava ingenti crediti.

Nei mesi scorsi, il prezzo base dell’immobile messo all’asta era stato di 1.068.750 euro. La perizia sull’immobile, oltre a evidenziarne il prestigio dal punto di vista storico-architettonico, dava anche una stima del potenziale valore di mercato: la cifra oscillava tra i 2.800.000 e i 3.100.000 euro, dai quali dovevano essere tolti i costi necessari per effettuare le opere edili indispensabili per rendere agibili gli ambienti e adeguare le unità immobiliari (circa 800.000 euro a carico dell’aggiudicatario diceva la perizia). Se queste sono le cifre, l’aggiudicazione per 650.000 euro appare dunque un buon affare per Molino Spadoni SpA.

 

Più informazioni su