SGB in presidio a Cotignola per il licenziamento di un lavoratore della Ronconi & Liverani

Più informazioni su

Ieri pomeriggio il Sindacato Generale di Base (SGB) ha svolto un volantinaggio di fronte lo stabilimento della Ronconi & Liverani di Cotignola, ora Romagna Finishing, per denunciare il “licenziamento illegittimo di Cheikh”, lavoratore della stessa società.

La vicenda

“Cheikh – spiega SGB – era dipendente della Ronconi & Liverani da più di 16 anni. A dicembre gli vengono accordate le ferie per raggiungere i suoi cari in Senegal. Qui perde i documenti e gli viene impedito di tornare in Italia. L’Ambasciata di Dakar tarda a rilasciargli un nuovo visto. Avvisa il datore di lavoro che capisce l’oggettiva impossibilità di Cheikh a presentarsi al lavoro e gli concede un’aspettativa non retribuita”.

“Durante la sua assenza, però, – avanza SGB -la Ronconi & Liverani viene acquistata dalla vicina Fonderia Morini attraverso la nuova società Romagna Finishing. Ai nuovi titolari non interessa se a un lavoratore immigrato è impedito il rientro in Italia anche se ha un regolare lavoro, non interessa se l’assenza di Cheikh era giustificata con l’aspettativa non retribuita; per loro Cheikh è assente ingiustificato e per questo deve essere sanzionato”.

“Grazie all’aiuto dell’avvocato Andrea Maestri – conclude il racconto il Sindacato – che sollecita la Questura di Ravenna e l’Ambasciata a Dakar, Cheikh ottiene finalmente il visto di ingresso. Rientra in Italia e riprende immediatamente il lavoro, ma entrato in fabbrica gli viene consegnata la lettera di licenziamento disciplinare “con effetto immediato”.

“Un licenziamento assurdo – lamenta SGB – in cui l’assenza di Cheikh è solo un pretesto. La ragione vera sta in un padrone che acquistando la fabbrica pensa di avere comprato anche la vita di chi ci ha trovato dentro, sino al punto di negargli il diritto al lavoro. La Romagna Finishing si è resa indisponibile ad un reale confronto con SGB, per questo anche nei prossimi giorni saremo in presidio davanti alla fabbrica, fino al reintegro di Cheikh”.

Più informazioni su