Asscor Ravenna. Fatturato da 18 milioni: cresce l’andamento della cooperativa

Più informazioni su

La cooperativa sociale Asscor, operativa dal 1980 con servizi di assistenza agli anziani sull’intera provincia di Ravenna (principalmente a Ravenna, Russi, Unione dei Comuni della Bassa Romagna), ha presentato ieri ai soci riuniti in assemblea un bilancio con un fatturato che sfiora i 18 milioni di euro, e in tendenziale crescita.

«Abbiamo registrato un incremento più o meno marcato in quasi tutti i settori in cui operiamo – sottolinea Cristina Frega, direttore di Asscor -. Da segnalare, in particolare, la crescita dell’impegno nell’area dei servizi domiciliari che, con 3 milioni di euro di fatturato, ha segnato per la cooperativa un incremento di circa l’8%».

Una solidità, quella della cooperativa ravennate, confermata dalla quota di utile che ha raggiunto i 120mila euro. «Abbiamo erogato nel 2018 circa 30.000 ore di lavoro in più nelle strutture da noi gestite, per un valore di quasi € 600.000 che, invece di aumentare l’utile d’impresa sono stati investiti in qualità dei servizi e maggior offerta di lavoro sul territorio. I ristorni ai soci sono arrivati a 202mila euro (+127mila euro rispetto al 2017) – continua Cristina Frega -. Di questi 108mila sono stati riconosciuti come integrazione retributiva ai soci e 94mila sono andati a rafforzare il capitale sociale della cooperativa».

Asscor, che rappresenta oggi 461 lavoratori di cui 399 sono soci (la quota di lavoratrici donne è altissima, oltre il 90%), è presente in 10 strutture residenziali e diurne con personale di coordinamento, Oss e animatori. «Dopo l’accreditamento la cooperativa è impegnata in un importante percorso di riorganizzazione e valorizzazione dei propri servizi – prosegue il direttore -. Oggi abbiamo 135 lavoratori under 40 che, anche grazie al gruppo giovani che abbiamo costituito all’interno della cooperativa, stiamo cercando di coinvolgere nella gestione per sviluppare nuove idee e raccogliere nuovi stimoli».

L’assemblea dei soci, che si è svolta ieri pomeriggio presso la sede della 2° Circoscrizione a Ravenna, ha anche approvato il progetto di fusione per incorporazione della cooperativa Corif nella cooperativa Asscor: «Il progetto nasce dalla necessità di rafforzare una responsabilità gestionale unica, come peraltro previsto dall’accreditamento regionale, e si pone l’obiettivo di rafforzare le attività di entrambe le cooperative sviluppando sinergie e ottimizzando produttività e gestione – spiega Cristina Frega -. Corif, che rappresenta circa 90 persone e un fatturato di 3 milioni di euro, mette in campo personale sanitario (infermieri, fisioterapisti e coordinatori) e, da sempre, lavora insieme ad Asscor nelle stesse strutture».

Più informazioni su