Le colonne di Piazza del Popolo di Ravenna saranno restaurate. Approvati lavori per 48 mila euro

Più informazioni su

Sono stati approvati dalla Giunta comunale di Ravenna gli interventi di restauro e consolidamento delle colonne storiche di Piazza del Popolo, resisi necessari dalle aggressioni di alghe, licheni, smog, guano e agenti atmosferici. Si interverrà anche su precedenti azioni di restauro avvenute negli anni ’90 in presenza di distacchi e fenditure che possono favorire la proliferazione di attacco biologico, vegetazione e sporcizia.

Gli interventi riguarderanno principalmente le parti in marmo e granito delle colonne e delle statue di San Vitale e Sant‘Apollinare, oltre ai basamenti di queste ultime; in buone condizioni invece gli elementi in bronzo dei due manufatti. Gli interventi comprendono, tra gli altri, la pulizia delle superfici, alcune stuccature, un trattamento antivegetativo e la realizzazione di nuove coperture a protezione dei piani orizzontali del basamento.

Il totale di spesa per l’intero intervento di restauro e consolidamento delle colonne è di 48mila euro e i lavori verranno avviati nel prossimo autunno.

Cenni storici

Le due colonne furono erette dai veneziani nel 1483 con basamento e gradoni scolpiti da Pietro Lombardo (padre di Tullio autore della famosa statua del Guidarello). I bassorilievi dei gradoni recano disegni ornamentali, di cui particolarmente fini sono quelli del gradone centrale e i dodici segni dello zodiaco in quello superiore della colonna nord.

Nel riquadro che si trova sotto la data di questa colonna (1483), è riprodotto il colosso di “Ercole Orario”, chiamato dal Popolo “Conchincollo”. Era una grande statua che si trova presso la basilica romana di Ercole. Rappresentava il semidio in ginocchio che sosteneva sul capo un quadrante sotto forma di semisfera incavata sopra la quale era lo stilo da cui si dipartivano le linee orarie. Nel 1591 la statua crollò a causa di un terremoto. Alcuni marmi del basamento furono utilizzati per la base della colonna che ora si trova in piazza d’Aquila, mentre la statua fu donata ad architetti i cui eredi la disfecero per altri usi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mario Arnaldi

    Perdonatemi, ma l’orologio solare portato dal Conchincollo non aveva stilo, al suo posto aveva un piccolo foro atteaverso il quale filtava un raggio di luce che mostrava le ore all’interno della semisfera. È questo un tipico orologio solare romano particolarmente presente in area Adriatica, dove con tutta probabilità esisteva una fabbrica sita in Aquileia.
    Peccato che nel progetto non sia stato preso anche l’impegno a rimettere in funzione l’antica meridiana che si trova incisa sul corpo della colonna a Nord.