Anziano ricoverato con piaghe da decubito. La procura ha aperto un’indagine

E’ ricoverato nel reparto di Medicina del Santa Marina della Croci, con una prognosi di una 20ina di giorni, l’anziano ultra novantenne che, martedì mattina 27 agosto, è stato trasferito in ospedale da una Casa Famiglia, dopo aver lamentato forti dolori alle gambe e ai piedi.

Il medico del pronto soccorso che lo ha visitato, ha notato diverse piaghe da decubito infette, per mancata medicazione, e, allarmato, ha ritenuto opportuno informare le forze dell’ordine e la direzione sanitaria.

In ospedale sono quindi giunti i poliziotti delle Volanti e della Squadra Mobile che hanno documentato tutto, scattando alcune fotografie.

La procura di Ravenna ha aperto un fascicolo contro ignoti, e l’ipotesi più accreditata dai quotidiani Il Resto del Carlino e Corriere di Romagna, in edicola quest’oggi 28 agosto, è che tra i reati compaiano anche i maltrattamenti.

Sempre secondo i quotidiani, ad allarmare il medico del triage, oltre alle piaghe da decubito tanto gravi da essere classificate come “ulcere croniche”, vi sarebbe stata anche una sospetta disidratazione. L’anziano avrebbe raccontato al medico del pronto soccorso che non beveva dal giorno precedente.

Saranno le indagini, coordinate dal pm Daniele Barberini, a fare chiarezza sull’accaduto.