Borgo San Biagio Ravenna. 150 cittadini firmano una Petizione per chiedere al Prefetto più sicurezza

Sulla questione sicurezza nel Borgo San Biagio, ora c’è anche una petizione. La richiesta, sottoscritta in pochissimi giorni da oltre 150 persone, è stata già inviata al Prefetto di Ravenna Enrico Caterino, per chiedere più polizia e più controlli. Stefano Patrizi, primo firmatario e residente del quartiere, assicura che i residenti sono esasperati: “Da diversi mesi il Borgo San Biagio è stato preso di mira da balordi, senza paura. Entrano ed escono dalle case indisturbati, pur sapendo che in casa vi sono i proprietari, danneggiando e rubando. L’ultimo furto risale proprio a ieri sera (mercoledì 3 settembre n.d.r.), quando i ladri sono entrati nell’abitazione di un mio familiare” .

L’obbiettivo della petizione, pubblicata anche su www.change.org è quello di chiedere al Prefetto di Ravenna di rinforzare le azioni messe in atto finora: “Altrimenti si rischia che i cittadini trasformino le proprie case in un bunker o che, prima o poi, qualcuno si faccia male seriamente – spiega Patrizi -. Nel quartiere vivono molti anziani soli, oramai terrorizzati.”

La petizione:
“Gent.mo Prefetto Dott. Enrico Caterino,
la comunità dei residenti di Ravenna del quartiere San Biagio vive da alcuni mesi serate di autentico terrore dovute a ripetute incursioni nelle abitazioni di ladri e balordi, ancora non identificati nonostante le ripetute denunce alle forze dell’ordine. Nelle abitazioni si sono susseguiti furti anche gravi, danni a cose diverse, e soprattutto l’instaurarsi di un clima di paura tra la popolazione, impotente nonostante il coinvolgimento della forza pubblica. Molti si sono dotati di sistemi di prevenzione, ma la situazione così com’è si protrae. Siamo convinti che occorra un’azione più incisiva da parte delle istituzioni, con particolare riferimento al presidio del territorio con dotazioni adeguate di uomini e mezzi, per ripristinare in breve la situazione civile a cui eravamo abituati”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mauro

    Mi permetto di dirvi che il vostro nuovo sito ha una cosa buona e una pessima: la prima che a causa della seconda non si vedono più i commenti dei soliti rompi balle, la seconda a mio modesto parere che il nuovo format è inguardabile.

  2. Scritto da Aldo

    Ci pensera’sicuramente il nuovo governo che dara’ disposizioni ai colleghi ravennati: le ricette le hanno tutte e pronte da tempo. Povera Italia.

  3. Scritto da Maria

    Purtroppo questi ladri non hanno nessuna paura perché sanno che in prigione non ci andranno mai, la legge li libera subito da ogni condanna, le forze dell’ordine lavorano tanto però vanificato da leggi ingiuste!

  4. Scritto da Emanuele

    Assolutamente vero. E dopo le ruberie della notte scorsa addirittura stamattina qualcuna delle stesse vittime ha ricevuto telefonate che inducevano a lasciar casa per recarsi in ospedale per visitare presunti famigliari finiti in disgrazia per incidente stradale. Evidentemente avrebbero agito indisturbati anche in pieno giorno! È davvero sconcertante e incredibile che non si riesca a contrastare tale fenomeno.