‘Mare e cocaina’: riforniva i giovani in vacanza, arrestato pusher a Marina di Ravenna

I Carabinieri di Ravenna, nella notte tra martedì 10 e mercoledì 11 settembre, hanno tratto in arresto un 25enne, originario della puglia, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il tutto ha avuto origine da un’intuizione dei militari della Stazione di Marina di Ravenna, che hanno notato un anomalo viavai di giovani nei pressi di un’abitazione della frazione, alcuni di questi già noti per il loro consumo di droga.

Hanno così monitorato i movimenti di possibili clienti del pusher che abitava in quell’appartamento, fermandone alcuni in possesso di dosi di cocaina. Nonostante le prime resistenze, di fronte al fatto compiuto, ma soprattutto davanti alle risultanze già raccolte dai militari, non hanno potuto che ammettere di avere appena comprato la droga da un ragazzo che operava nella zona, divenuto probabilmente il pusher di riferimento dei giovani in vacanza al mare.

In breve il 25enne è stato raggiunto a casa ed è stato trovato in possesso di una cifra corrispondente a quanto appena sborsato dai clienti, altre dosi di marijuana nonché materiale che ne faceva dedurre l’attività di spaccio.

Di fronte alle evidenze raccolte il pusher è stato dichiarato in stato di arresto. Stamani dopo la convalida del provvedimento, il Giudice del Tribunale di Ravenna, a seguito della richiesta dell’interessato, ha concesso i termini a difesa fissando la data per la celebrazione della prossima udienza.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bilancia

    GALERA a vita per questi venditori di morte, dei nostri figli..nipoti…