Quantcast

Sant’Agata sul Santerno: multato un altro cittadino per abbandono di rifiuti

Più informazioni su

Proseguono le iniziative svolte dall’Amministrazione Comunale di Sant’Agata sul Santerno in collaborazione con Hera per la tutela dell’ambiente e per il corretto conferimento dei rifiuti.

Oltre a provocare il degrado dell’ambiente e dei territori urbani, l’abbandono dei rifiuti è un reato sanzionabile per legge: per questo è stata elevata questa mattina un’altra sanzione per abbandono rifiuti in via Giardino, a lato delle Distillerie Mazzari Spa.

A distanza di poche settimane dalle 9 sanzioni elevate in piazza Ugo La Malfa, i tecnici Hera in collaborazione con una pattuglia della polizia municipale della Bassa Romagna, hanno compiuto un sopralluogo, nell’ambito del quale hanno trovato elementi specifici, riconducibili ad un privato cittadino.

L’abbandono ha avuto luogo in via Giardino. Anche in questo caso, come per le 9 multe levate in Piazza Ugo La Malfa, a seguito di alcune approfondite verifiche della polizia municipale si è riusciti a risalire alle generalità della persona che ha commesso l’infrazione.

L’amministrazione comunale ed Hera stanno monitorando puntualmente tutte le Isole ecologiche di Base (IEB) diffuse sul territorio, per contrattare i fenomeni di abbandono dei rifiuti (ingombranti e indifferenziati in particolare), per evidenziare eventuali criticità e rispondere alle esigenze degli utenti .

Si ricorda che l’area self service adiacente alla stazione ecologica Hera di via Marcora è aperta tutti i giorni 24 ore su 24 e garantisce uno sconto di 15 centesimi/kg sulla propria bolletta Tari.

“La Giunta Comunale sta continuando la propria azione di controllo del proprio territorio, al fine di contrastare l’incivile atto dell’abbandono dei rifiuti. – precisa Elisa Sgaravato, assessore all’ambiente del comune di S. Agata sul Santerno – La corretta gestione dei rifiuti comporta un importante cambio di prospettiva. Ridurne significativamente la produzione di rifiuti pro-capite e migliorarne la qualità è un obiettivo ambizioso che potrà essere raggiunto solamente con la collaborazione di tutti i cittadini.”

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BARUZZI LUCIANO

    ho già scritto in proposito in altra recente occasione…si deve intervenire a tutti i livelli–famiglia-scuola-quartieri ecc-per una profonda cultura del trattamento dei rifiuti,del riciclo spinto col minimo scarto dei materiali che devono essere riusati-si scrivevano queste cose già negli anni 70-80 per merito del grande GIORGIO NEBBIA che inventò la RIFIUTOLOGIA ALL UNI DI BARI NEL 1975- SI RIPRENDANO QUEGLI SCRITTI E SI PUBBLICHINO ANCORA PER TUTTI,NON CREDO CHE LE MULTE CONTINO,VEDO RIFIUTI SPARSI E SI LEGGE DI INCENDI DI DEPOSITI OVUNQUE..FAENZA-AVELLINO–TERRA DEI FUOCHI ECC.AVANTI NELLO STUDIO CON LE SCUOLE CHE STANNO INIZIANDO!!!SPERO DI POTER CONTRIBUIRE,GRAZIE LUCIANO BARUZZI GEOGRAFO AMBIENTALISTA ANZIANO ORA A LUGO

  2. Scritto da davide

    Attendiamo con ansia che anche nel Comune di Lugo si attuino questo tipo di provvedimenti. Erano state piazzate delle “fototrappole”, tra febbraio e maggio scorsi, che avevano avuto effetto evidente. Poi sono state rimosse (ad esempio in via Massarenti). Perche?!