In ottobre il censimento della popolazione e delle abitazioni: riguarderà Faenza, Brisighella e Castel Bolognese

Ad ottobre riparte il censimento della popolazione e delle abitazioni, che dallo scorso anno è diventato permanente ovvero con cadenza annuale e non più decennale. Il censimento viene effettuato con operatori incaricati dai comuni e riguarderà solo un campione di famiglie. Ogni anno le famiglie di Faenza chiamate a partecipare sono circa duemila, mentre per i comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Riolo Terme e Solarolo il coinvolgimento avviene a rotazione: quest’anno è il turno di Brisighella con circa settecento famiglie e Castel Bolognese con circa milleduecento.

Una famiglia può quindi essere chiamata a partecipare a una delle due diverse rilevazioni campionarie oppure non essere coinvolta.  Questi i casi che si possono verificare: la famiglia riceve una lettera che la invita a  compilare il questionario on line o a recarsi presso l’Ufficio comunale di raccolta del Comune di residenza (fa parte del campione della rilevazione da lista); la famiglia è informata, attraverso una lettera e una locandina affissa nell’ingresso condominiale, che sarà intervistata da un rilevatore (fa parte del campione della rilevazione areale); la famiglia non riceve alcuna lettera perché ancora non fa parte del campione.

I rilevatori, muniti di tesserini di riconoscimento e tablet, si recheranno presso varie zone del territorio di Faenza, Brisighella e Castel Bolognese per rilevare gli edifici, le abitazioni e le famiglie che verranno intervistate dagli stessi. Di questa attività sarà data comunicazione in loco tramite locandine.

Per qualunque informazione contattare i seguenti numeri telefonici dell’Unione della Romagna Faentina: 0546 691292 (per Faenza), 0546 99421 (per Brisighella), 0546 655889 (per Castel Bolognese).