Strage di uccelli. Parco del Delta del Po vieta la caccia nel raggio di 3 km dalla Valle della Canna

Il Parco del Delta del Po comunica di aver disposto quest’oggi 7 ottobre, con Decreto Presidenziale, la sospensione di qualsiasi forma di attività venatoria in un raggio di 3 km dal perimetro dell’area interessata dalla moria di uccelli anatidi a causa, presumibilmente, dell’intossicazione da tossina botulinica di tipo C, fenomeno riscontrato la scorsa settimana in Valle Mandriole, o Valle della Canna.

Dalla Direzione del Parco ricordano che nell’area interessata dal fenomeno l’attività venatoria non è mai consentita, a differenza delle zone contigue. “Tale provvedimento, assunto anche dalla Regione Emilia-Romagna per le aree di competenza, risponde a un triplice obiettivo: in primis, permette consentire la permanenza degli uccelli in acque non contaminate, evitando la migrazione dalla zone contigue all’area di criticità. In secondo luogo, evita il potenziale abbattimento a un numero consistente di esemplari sani che, presumibilmente, a fronte dell’anomala presenza umana nell’area interna della Valle per la rimozione delle carcasse, si sono spostati nelle zone contigue ove vi è minor disturbo; infine, tale provvedimento è motivato dalla necessità di non causare un’eccessiva pressione sulle specie già interessate dalla moria”.

La sospensione dell’attività venatoria è immediatamente in vigore nelle AC (aree contigue) del Sub comprensorio n.4 “Ravenna- Alfonsine- Cervia” denominato PP Ravenna, in un raggio di 3 km dal perimetro della Valle Mandriole, e resterà valida fino a specifica revoca.

Il Parco del Delta del Po comunica che tale provvedimento è stato condiviso con ISPRA e con tutti gli enti competenti che si sono attivati immediatamente a partire dalla segnalazione del Comune di Ravenna e l’immediata convocazione del tavolo emergenziale di giovedì 3 ottobre.

Il Comune nel frattempo, insieme a tutti gli enti competenti, ha favorito azioni straordinarie per il ricambio delle acque della valle in maniera rapida e per fornire così ossigeno all’area e limitare la proliferazione del botulino con l’auspicio di uscire dall’emergenza.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaia

    3 km? Ma vogliamo scherzare!!! Cioè i sopravvissuti Che riusciranno a spostarsi in zone limitrofe rischieranno di essere cacciate? Ma siete pazzi!!!

  2. Scritto da alan

    il parco della morte……
    3 anni fa scomparsa la fauna ittica
    ora la strage delle anatre.
    Vergognoso
    Fossi il sindaco me ne tornerei a Cervia a gambe levate….
    facile manifestare ….
    Per tutte le anatre non ci sara’ un funerale…
    Forse sentenza di un tribunale….