In Provincia di Ravenna quasi il 25% dei mezzi non è assicurato

Nel territorio ravennate al 29 marzo 2019 risultavano non assicurati il 19,07% degli autoveicoli e addirittura il 61,79% dei motoveicoli, pari al 24,81% dei mezzi complessivamente intesi. A livello regionale la percentuale era del 24,78% dei mezzi, mentre a livello provinciale il primo posto è occupato da Rimini con il 28,12%, seguito da Bologna con il 25.88%, da Modena con il 25,03%, da Ravenna con il 24,81%, da Reggio Emilia con 24,52%, da Parma con il 23,456%, da Piacenza con il 23,49%, da Forlì con il 23,06% e da Ferrara con il 22,75%.

Questa grave situazione è sicuramente molto preoccupante anche perché molti ritengono che la smaterializzazione della documentazione assicurativa porti a controlli più superficiali da parte delle autorità, mentre, nella realtà, sono aumentate le telecamere che forniscono i dati per il controllo da remoto con la conseguente emissione di una sanzione se non in regola con le norme vigenti. Non è trascurabile il fatto che è aumentato il numero di coloro che omettono il soccorso a seguito di incidentalità, con una crescita della pirateria stradale.

Esiste il fondo di garanzia nato per tutelare le vittime di incidenti in cui il responsabile è privo di assicurazione o se rimane anonimo. In molti casi la pratica di risarcimento attraverso l’attivazione del Fondo di garanzia comporta per il richiedente tempi di attesa infiniti e a volte la necessità di ricorrere in giudizio.

È bene ricordare che recentemente sono state apportate modifiche all’articolo 193 del Codice della Strada in base al quale se si circola senza copertura assicurativa si rischia, la prima volta, la decurtazione di cinque punti dalla patente con sanzioni che variano da 868 a 3.471 euro. In caso di recidiva per due volte in un anno, la sanzione pecuniaria viene raddoppiata prevedendo anche la sospensione della patente da uno a due mesi, il fermo per i 45 giorni successivi all’illecito.

Incredibilmente queste misure, se non accompagnate da una forte azione repressiva, rischiano di far aumentare i pirati che, dopo aver commesso un incidente di fronte alla prospettiva di vedersi bloccata l’auto potrebbero decidere di fuggire.

L’elaborazione dell’Osservatorio sui dati forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti delinea il quadro regionale al 29 marzo 2019.

veicoli

Il dettaglio dell’area ravennate è il seguente:

sicurezza

In termini assoluti, in Regione sono 1.018.166 i mezzi non assicurati, di cui:

Bologna 235.423;

Modena 163.283;

Reggio nell’Emilia 121.208;

Parma 94.687;

Ravenna 93.008;

Rimini 92.526;

Forlì 86.251;

Ferrara 70.793;

Piacenza 60.987.

“Occorre precisare – informano dall’Osservatorio sull’educazione alla sicurezza stradale – che in Italia vige ancora la possibilità di polizze sospendibili e cioè un mezzo immatricolato e idoneo alla circolazione può non pagare l’assicurazione se in disuso o fermo per periodi di tempo limitati, purchè sia parcheggiato all’interno di un garage, di un’autorimessa o di un cortile privato. L’assicurazione, invece, è obbligatoria nei seguenti casi: il veicolo è in circolazione, o parcheggiato sulla pubblica via o su uno spazio aperto al pubblico o nel caso di fermo amministrativo o se rottamato.

Nel caso particolare di furto è necessario istruire la pratica di “perdita di possesso” per non incorrere in sanzioni. Stante queste doverose premesse è significativo che, mediamente nei territori provinciali della nostra regione, la percentuale di mezzi non assicurati oscilli tra il 22 ed il 28 %. “Occorre segnalare – aggiungono dall’Osservatorio – che il preoccupante fenomeno, perchè sempre più soggetti non pagano l’assicurazione, forse a causa di ristrettezza economica, consapevoli anche del fatto che è stato abrogato il reato di falsità in scrittura privata. Si ritiene che anche la smaterializzazione della documentazione assicurativa spinga a scommettere su controlli più superficiali da parte delle autorità. Questa situazione pone dei rischi finanziari non indifferenti in caso di incidente senza colpa, perché il crescente numero di veicoli non assicurati può rendere difficoltoso il risarcimento dei danni”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco O.

    Spero che prendano da qui le sanzioni per recuperare le risorse per la manutenzione delle strade, l’illuminazione, ecc, invece che vessare chi va ai 60 kmh su una strada larga e disabitata in cui c’è un assurdo limite dei 50. E spero anche che chi non paga l’assicurazione (danno che viene bilanciato con l’altissimo costo delle assicurazioni inflitto a chi le paga) non sia fra quelli che si lamentano dell’evasione fiscale, dei condoni, dei ladri di Roma, ecc.

  2. Scritto da Giovanni lo scettico

    Se gli enti locali non facessero cassa con l’autovelox, gli automobilisti si sentirebbero meno depredati, e forse pagherebbero più volentieri l’assicurazione.

  3. Scritto da Marco O.

    L’assicurazione non si paga “volentieri”. Si paga e basta

  4. Scritto da Giovanni lo scettico

    Gentile Marco, perchè gli automobilisti sono il bancomat dei governi, dei comuni e delle assicurazioni?