Ragazzo con difficoltà congnitive si perde per Cervia, rintracciato dalla Polizia Municipale

Più informazioni su

Sono da poco trascorse le 20.30 di ieri, domenica 13 ottobre, e un ragazzo si trova con la madre e il fratellino nei pressi del centro cittadino cervese. Il giovane di 24 anni ha difficoltà cognitive e non è in grado di provvedere da solo a sé stesso. Basta un attimo, qualche frazione di secondo e si allontana, scomparendo alla vista della madre.

La madre inizia a cercarlo nei dintorni, lo chiama più volte, ma lui non risponde. Inizia così un incubo per la mamma e parte la chiamata alla sala operativa della Polizia Locale di Cervia, che invia subito sul posto una pattuglia.

Gli Agenti cercano di tranquillizzare la mamma, raccogliendo quanti più elementi utili per l’identificazione del giovane e diramano una nota di ricerca anche alle altre Forze dell’Ordine. Poi immediatamente iniziano a perlustrare il territorio.

Trascorsi neanche 30 minuti dalla chiamata, l’attenzione di una pattuglia della Polizia Locale viene attirata da una sala giochi della zona ancora aperta. L’intuizione degli Agenti è giusta, qui ritrovano il ragazzo, in evidente stato confusionale, si accertano delle sue condizioni fisiche, lo tranquillizzano, lo rassicurano e lo riaccompagnano dalla madre.

“Gli Agenti hanno immediatamente capito la gravità della situazione – racconta il Comandante della Polizia Locale Sergio Rusticali –. Seppur maggiorenne infatti, il ragazzo affetto da difficoltà cognitive, poteva farsi male o causare involontariamente situazioni di pericolo. In queste situazioni agire in tempo è fondamentale e così sono scattate immediatamente le ricerche. In breve tempo il giovane è stato ritrovato e riportato alla madre e la serata si è conclusa in serenità”.

Più informazioni su