Figlio di Salvini su moto d’acqua Polizia a Milano Marittima: archiviazione per la vicenda del video?

Più informazioni su

Come riporta una nota dell’Ansa, la Procura della Repubblica di Ravenna ha chiesto di archiviare, “per tenuità del fatto”, il fascicolo relativo ai tre agenti della scorta di Matteo Salvini che hanno cercato di impedire al giornalista di Repubblica Valerio Lo Muzio di riprendere il figlio dell’allora ministro dell’Interno su una moto d’acqua della polizia a Milano Marittima, nel Ravennate.

Il fatto risale al 30 luglio quando Salvini era in vacanza in riviera insieme al figlio. Il video pubblicato da Repubblica, che provocò notevole dibattito, faceva vedere agenti della polizia in moto d’acqua con il figlio di Salvini. Ma la questione sulla quale la procura concentrò soprattutto la sua attenzione fu il tentativo di impedire al giornalista di fare le riprese. E’ per questa vicenda che si chiede l’archiviazione. Lo Muzio e i suoi legali stanno valutando se opporsi o meno alle richiesta della procura ravennate.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da maria teresa

    Il fatto che il ragazzino fu fatto salire sulla moto d’acqua della polizia è,a parere mio, da considerarsi una semplice sciocchezza mentre trovo assai grave che si sia tentato di impedire al giornalista di fare le riprese.

  2. Scritto da roberta

    Se invece di un giornalista c’era un privato cittadino allora come sarebbe andata, se si fa finta di niente quando si cerca di intimidire e vietare la libera stampa?