Sbaglia il parcheggio, danneggia un’auto e ne investe il proprietario: denunciato 86enne a Faenza

In Piazza Oriani a Faenza i vigili della Polizia locale sono intervenuti nei giorni scorsi, allertati dai cittadini per una lite causata dal danneggiamento di un’auto durante una manovra di parcheggio. Il responsabile del fatto, un uomo di Faenza, classe 1933, nel tentativo di eseguire un parcheggio, aveva danneggiato un’altra auto e, secondo le ricostruzioni della Polizia locale, tentato di investire volontariamente il proprietario del mezzo, che cercava di imedirgli di allontanarsi dal luogo dell’incidente.
L’86enne non avrebbe invece dato ascolto e se ne sarebbe andato, venendo però agilmente rintracciato dagli agenti della municipale poco dopo, che lo hanno identificato e denunciato al Tribunale di Ravenna per lesioni volontarie. L’uomo ferito ha riportato lesioni guaribili in 5 giorni.
I fatti si sarebbero svolti davanti a numerosi testimoni, rimasti sbalorditi dal comportamento dell’anziano faentino.

Altri interventi della polizia locale

Un’altra pattuglia ha invece fermato una cittadina senegalese del 1996 che, in pieno centro a Faenza, conduceva un veicolo senza aver mai conseguito la patente di guida. Si è preceduto pertanto all’immediato sequestro dell’auto e alla denuncia in stato di libertà della conducente, come previsto dalla normativa vigente, essendo la seconda volta che la signora veniva sorpresa a condurre un’auto senza alcun titolo.

Ad un senegalese del 1960 sono invece stati sequestrati 150 vasi di terracotta: l’uomo li stava vendendo via Granarolo a Faenza, senza avere alcuna autorizzazione per il commercio. Gli sono state anche contestate le violazione amministrative previste per i commercianti abusivi.

Per quanto riguarda le attività di contrasto del consumo e dello spaccio di stupefacenti attorno alle scuole faentine, gli agenti della municipale hanno fermato due studenti, sorpresi a fumare “spinelli” all’esterno di un istituto manfredo: sono stati segnalati all’autorità amministrativa. Quello dei due che è risultato minorenne è poi stato riaffidato ai genitori, convocati dopo l’accertamento dei fatti.

Numerosi poi anche gli interventi per rilievi di sinistri stradali, che risultano essere già oltre i 350 complessivi dall’inizio dell’anno.