Ravenna. Nel cuore della notte chiama il 112: “C’è una ragazza nel mio giardino e non vuole andarsene”

Per portare via la giovane sono dovuti intervenire, oltre alla Polizia, anche i Carabinieri: feriti due agenti nella colluttazione

Più informazioni su

Alle ore 4.30 di questa notte, sabato 9 novembre, la Polizia di Ravenna è intervenuta in via Oriani dove un uomo aveva segnalato al 112 di avere poco prima sorpreso una sconosciuta all’interno del cortile della propria abitazione. L’uomo ha segnalato che la ragazza, nonostante fosse stata invitata ad allontanarsi, si era stesa a terra accovacciandosi dietro alle auto lì parcheggiate.

All’arrivo degli agenti, la ragazza ha rifiutato di dare le proprie generalità, iniziando ad inveire contro i poliziotti. Considerato lo stato di alterazione della ragazza, i poliziotti hanno fatto intervenire in ausilio i colleghi dell’Arma dei Carabinieri. Alla vista di altro personale in uniforme la giovane ha cercato di allontanarsi e facendo cadere a terra una agente della Polizia, causandole la frattura di un dito della mano sinistra, e ha colpito con alcuni calci uno dei Carabinieri intervenuti.

Poi immobilizzata e condotta in Questura per essere sottoposta al fotosegnalamento; ha cercato anche di colpire al volto con un pugno un poliziotto che, per schivare il colpo, si è procurato una frattura allo scafoide del polso destro. La giovane, identificata per una 21enne imolese di origini cilene, è stata arrestata per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni personali, violazione di domicilio e rifiuto di indicazioni sulla propria identità personale.

La ragazza è stata trattenuta nelle camere di sicurezza della Questura in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida dell’arresto. I due agenti della Polizia di Stato rimasti feriti sono stati giudicati guaribili con 21 giorni di prognosi entrambi. Il Giudice Unico di Primo Grado del Tribunale di Ravenna, dopo la convalida dell’arresto ha rinviato la celebrazione del processo al prossimo mese di febbraio, applicando nei confronti della giovane la misura cautelare dell’obbligo di dimora nella provincia di Bologna.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da che roba

    mi e’ sembrata psicologicamente poco in forma, sicuramente ha bisogno di Aiuto…… meno debole fisicamente che ha dato filo da torcere ai caramba e polizia….. questo e’ il nostro paese Degrado…….Romagnoli non demordete Grazie forze dell ordine..

  2. Scritto da Remo

    @che roba
    Sicuramente lei ha bisogno di aiuto nella lingua italiana, solidarietà ai nostri agenti.