Liberazione di Brisighella: tutte le iniziative per ricordare gli storici fatti del 1944

Più informazioni su

Con l’avvicinarsi del 75° anniversario della Liberazione di Brisighella, l’A.N.P.I. di Brisighella – Sezione “Giuseppe Bartoli” si è fatta capofila del progetto storico-culturale volto a ricordare quei tragici momenti del dicembre 1944.

Gli eventi, patrocinati dal Comune di Brisighella e dall’Unione della Romagna Faentina, inizieranno domenica 1 dicembre alle 11.00 al Circolo ARCI “Ambra” di Brisighella con Claudio Visani che presenterà il libro da lui scritto “La ragazza ribelle” (Carta Bianca) con Miro Gori, presidente provinciale dell’ANPI di Forlì-Cesena e Annunziata Verità, protagonista delle vicende narrate.

Giovedì 5 dicembre alle 20.30 alla Sala Polivalente del Complesso Cicognani “Guerra, internamento e liberazione. Il secondo conflitto mondiale attraverso i ricordi inediti di Carlo Cavina e Michelina Pasini. Un progetto di ricerca” a cura di Marco Serena dell’Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e provincia.

Sabato 7 dicembre alle ore 10,45 presso il Monumento ai Caduti del Parco Ugonia commemorazione ufficiale della Liberazione di Brisighella alla presenza del Sindaco e Gonfalone di Brisighella, delle Autorità civili e militari, delle Associazioni e rispettivi labari, degli Alunni e Docenti dell’Istituto Comprensivo di Brisighella e a seguire presso la Lapide dedicata alla Brigata Maiella posta in Piazza Carducci. Nel pomeriggio alle ore 16.00 al Foyer del Teatro Pedrini, in Municipio, “Dalla Liberazione alla Costituzione” con consegna del testo della Costituzione della Repubblica Italiana da parte del Sindaco a tutte le diciottenni ed a tutti i diciottenni (anno 2019) residenti nel Comune di Brisighella con lettura dei principi fondamentali della nostra Costituzione. Intervento conclusivo di Luca Riccardi, professore di Storia delle Relazioni Internazionali all’Università di Cassino.

Inoltre, per evidenziare l’importanza dell’evento commemorativo, il 30 novembre saranno collocati nastri tricolori in prossimità di cippi, lapidi e monumenti riportanti la frase “75° Anniversario Liberazione di Brisighella” che saranno rimossi al termine della settimana celebrativa.

Le commemorazioni, come ricorda l’Anpi, “hanno lo scopo di evitare che si perda la memoria storica della sofferenza, delle miserie, degli orrori e del sacrificio dei concittadini di Brisighella e dei tanti che combattevano lontano da casa, dagli affetti in nome della libertà e democrazia. Una libertà che deve essere alimentata quotidianamente ancora oggi, perché sia un bene di tutti e non solo di alcuni”.

“In tali occasioni – dice l’Anpi – invitiamo tutti a riflettere su questi principi intoccabili della nostra Costituzione nata dalla Resistenza e su tutti quei valori che in essa sono rappresentati a tutela della dignità umana e dei suoi diritti, contro ogni forma di violenza e di sopraffazione”.

A questo progetto hanno aderito A.N.A. Gruppo “Sirio Baldi” di Brisighella, AIDO Don Carlo Gnocchi – Brisighella, Associazione Brisighella Bene Comune, Associazione Culturale e Ricreativa Sancti Ruffilli, Circolo ARCI “Ambra” – Brisighella, Circolo ARCI di Marzeno, Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea in Ravenna e provincia e gli ex sindaci Egisto Pelliconi, Achille Albonetti, Cesare Sangiorgi e Davide Missiroli e Angela Esposito, capogruppo “Brisighella Insieme”.

 

Più informazioni su