“La partita con papà”: anche a Ravenna l’evento che avvicina i figli ai genitori reclusi in carcere

Si è svolta ieri, venerdì 6 dicembre, nella Casa Circondariale di Ravenna, per il quinto anno consecutivo, l’iniziativa “La partita con  papà”, evento lanciato da Bambinisenzasbarre onlus, con il sostegno del Ministero di Giustizia Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria.

Un evento che nasce per porre l’attenzione sulla necessità di preservare il legame affettivo con il genitore ristretto e per sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica sull’elevato numero di bambini che oggi,  in Italia, vivono una condizione di emarginazione perché hanno il papa o la mamma ristretti in carcere.

La partita di calcio con i papà si è svolta nel campo di calcetto, dove i bambini hanno avuto la possibilità di condividere con i propri padri un momento di normalità dimenticandosi per qualche ora delle sbarre e della distanza. Al termine della partita, è stata offerta una ricca merenda con il contributo di I. A. L. Emilia Romagna e Caritas Ravenna.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanna

    Leggendo questo inconsueto evento mi sono commossa perché ritengo fondamentale che genitori e figli si conoscano e imparino a rispettarsi oltre ogni avvenimento.