Ravenna, approvata sostituzione del cavalcavia Teodorico: i lavori dureranno 11 mesi

Il piano di interventi per l’adeguamento e migliorando delle condizioni del cavalcavia Teodorico, importante infrastruttura di viabilità pedonale e veicolare (il traffico giornaliero medio è stato stimato dalle Ferrovie dello Stato in 800 veicoli/h)  che collega la Darsena al centro storico di Ravenna, è stato finalmente approvato con delibera della Giunta comunale in data 24 dicembre 2019. Il progetto rientra nello schema di accordo operativo firmato nel 2017 da Comune, Regione, Rete Ferroviaria Italiana e Autorità portuale che contempla oltre ai lavori al ponte Teodirco, anche il sottopassaggio ferroviario carrabile sostitutivo del passaggio a livello in via Canale Molinetto e il prolungamento della dorsale ferroviaria di raccordo sulla destra del canale Candiano. Si tratta di tre interventi del valore di 21 milioni di euro complessivi per migliorare l’accessibilità ferroviaria del porto di Ravenna.

Come si legge nella relazione generale al progetto delle Ferrovie dello Stato, soggetto che si occuperà dei lavori, disponibile in allegato alla delibera nell’albo pretorio del Comune di Ravenna “tenuto conto dello stato di consistenza delle strutture e della criticità che gli interventi necessari all’adeguamento e risagomatura delle arcate avrebbero comportato, aggravate dal dover operare in soggezione di traffico ferroviario, si è ritenuto necessario proporre un intervento radicale di demolizione e sostituzione del ponte con una nuova struttura di scavalco ad arco a via inferiore.”

Aggiungono dalla Ferrovie “che la soluzione strutturale/architettonica proposta, permetterà di ottenere i seguenti risultati:

1) sostituzione della struttura attuale, ammalorata e fortemente dissestata, con una di nuova realizzazione, progettata in accordo alle norme vigenti, in grado di garantire ben altri standard e livelli di sicurezza;

2) razionalizzare lo scavalco, attraverso una unica struttura a servizio del traffico viario e ciclo-pedonale; in tal senso, contestualmente alla demolizione del vecchio ponte a 5 luci, verrà completamente rimossa anche l’attuale passerella pedonale incarpenteria metallica, presente in stretto affiancamento al ponte Teodorico stesso;

3) il nuovo cavalcaferrovia Teodorico è stato pensato in modo da garantire una “continuità” architettonica e strutturale con il ponte esistente; in entrambi i casi infatti lo scavalco si realizza attraverso strutture ad arco. Vista l’area in cui l’opera si inserisce, nelle immediate vicinanze del Mausoleo di Teodorico, particolare attenzione è stata posta nell’individuazione di un’opera di elevato pregio estetico, lunga 57 metri e sospesa verticalmente agli archi. La soluzione prevede l’esteso ricorso alla carpenteria metallica, che consente il premontaggio delle singole parti a piè d’opera e il successivo varo sul fascio binari mediantespinta.”

Le fasi dell’intervento dureranno in totale circa 11 mesi: le prime operazioni di demolizione comporteranno un’interruzione del traffico ferroviario di 48ore, interruzione che si ripeterà altre due volte. Poi si passerà ad 8 nuove interruzioni notturne di 4 ore per i successi lavori a completamento dell’opera.

Dopo una prima macrofase di cantierizzazione dell’opera, che durerà circa 4 mesi senza causare ripercussioni sul traffico, si aprirà una seconda macrofase, di circa sei mesi, che riguarderà l’effettiva demolizione del ponte, con maggiori disagi per pedoni e automobilisti. “Dopo le attività di demolizione del ponte e della passerella pedonale – si aggiunge nella relazione – si procederà con la realizzazione dei muri, del montaggio del nuovo ponte e del varo; infine verranno effettuate tutte le opere di completamento. A questo punto sarà possibile riattivare i sottoservizi deviati e la rete idrica ed elettrica, in configurazione di progetto. La macrofase si conclude con il ripristino della viabilità in configurazione di progetto e con l’apertura del nuovo ponte al traffico.”

Nella terza ed ultima macrofase, della durata di circa 15 giorni,verrà smontato il ponte tubo e verranno effettuate tutte le attività generali di completamento, compreso il ripristino dei luoghi, la riambientalizzazione delle aree e lo smobilizzo del campo base.

cavalcavia Teodorico

Visuale del cavalcaferrovia, disponibile nella relazione generale

rendering ponte Teodorico

Rendering del nuovo ponte

COME CAMBIA LA VIABILITÁ

Per quanto riguarda la viabilità veicolare, la relazione al progetto indica il nuovo piano di cambiamento. Sarà chiuso al traffico “il tratto di Circonvallazione alla Rotonda dei Goti che va da via Teodorico a via Rocca Brancaleone, pur garantendo l’accesso dei residenti a Via Arbe in uso promiscuo per tutta la durata dei lavori. Chiusura anche per un notevole tratto di via Darsena, di circa 120 metri, per permettere l’adeguamento altimetrico.”

rendering ponte Teodorico

“Pertanto – si legge sempre nella relazione – per garantire la fruibilità e tutti gli accessi si prevede una riorganizzazione della viabiltà dell’area di intervento. In particolare:

1) via Teodorico diventa a doppio senso di marcia;

2) il tratto di via delle Industrie, adiacente al limite di intervento, diventa a doppio senso di marcia per permettere l’accesso al parcheggio del Mausoleo di Teodorico e a via Arbe;

3) il tratto di Via Darsena, adiacente al limite di intervento, diventa a doppio senso di marcia per garantire l’accesso ai residenti;

4) verrà riorganizzata l’intersezione a Nord – Ovest del ponte tra Circonvallazione alla Rotonda dei Goti, via Rocca Brancaleone  e via Porto Coriandro, per consentire tutte le svolte;

5) verrà realizzata una rotatoria provvisoria a sud-est tra via Darsena e via Antico Squero, con adeguamento di un tratto di via A. Squero che diventerà a doppio senso di marcia.

Non sono stati ancora individuati i tempi di inizio del cantiere, che sicuramente sarà eseguito nel corso del 2020, L’importo totale dei lavori è stato stimato in 9,3 milioni di euro.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emanuele

    Finalmente! Il Comune si ricordi di avvisare i turisti che dal centro vogliono recarsi a piedi al mausoleo che è necessario utilizzare il sottopasso, anche attraverso accordi con Google Maps (utilizzato da molti turisti)

  2. Scritto da Giovanni lo scettico

    Se il Comune avesse l’intelligenza di riaprire via di Roma il traffico potrebbe scorrere molto meglio, senza bisogno di fare strani giri lunghi e inquinanti. La domanda è una sola…

  3. Scritto da Mibi62

    Speriamo bene…11 mesi non sono pochi, ma da come vanno di solito i lavori in questo tipo di cantieri, ho paura che dureranno più a lungo… Vedi ponte dell’Albergone di Bagnacavallo …incrociamo le dita…

  4. Scritto da Ale76

    Speriamo bene….!
    Oltre ai tempi lunghi, speriamo che non si paralizza la circolazione…
    Certo che non sapere ancora indicare una data (presunta) di inizio lavori non è un bel segnale va….