Sacchi di carbone ed attacchi all’Amministrazione comunale di Lugo: “Gesto altamente incivile”

Ranalli: "Questi gesti non fanno altro che creare e alimentare un clima di tensione e astio che non appartiene alla comunità lughese e che i cittadini stessi di Lugo non meritano"

L’Amministrazione Comunale di Lugo condanna il gesto “altamente incivile – si legge nella nota del comune di Lugo – che si è verificato nella notte tra domenica 12 e lunedì 13 gennaio negli ingressi dell’Istituto San Giuseppe, dove alcuni vandali hanno scaricato sacchi di carbone davanti ai vari accessi alla scuola, creando così un notevole disagio a genitori, bambini e personale scolastico. Oltre al carbone erano presenti vari fogli, firmati da un gruppo che vigliaccamente si nasconde dietro l’anonimato, contenenti attacchi all’Amministrazione in merito all’intervento relativo alla pista ciclabile di via Emaldi. Questo gesto, tra l’altro, si aggiunge a quello accaduto il 23 dicembre quando è stato intralciato e rallentato l’avanzamento dei lavori.”

“L’operato di un’Amministrazione – aggiunge la nota – può essere giustamente e liberamente contestato, ma in maniera civile ed educata. Questi gesti, oltre a creare disagio all’Istituto scolastico stesso, ai genitori e ai bambini, non fanno altro che alimentare un clima d’odio, d’astio e di tensione che non ha mai caratterizzato Lugo e che i cittadini stessi non meritano”.

Il sindaco di Lugo, Davide Ranalli, ha in seguito pubblicato sulla sua pagina Facebook il seguente commento: “Fare il Sindaco porta con sé onori ed oneri e uno di questi è prendersi la responsabilità delle scelte che si fanno. Scelte che, giustamente, possono essere oggetto di critica e confronto. Questa notte però è successo qualcosa che non ha nulla a che vedere con la disapprovazione civile ed educata. Qualche persona, che vigliaccamente si è nascosta in maniera anonima dietro al nome di un sedicente movimento, ha scaricato dei sacchi di carbone davanti agli ingressi dell’Istituto San Giuseppe, intralciando il lavoro del personale scolastico, e ha appeso varie lettere che criticavano l’intervento di realizzazione della pista ciclabile di via Emaldi. Questi gesti non fanno altro che creare e alimentare un clima di tensione e astio che non appartiene alla comunità lughese e che i cittadini stessi di Lugo non meritano”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mauro Mazzotti

    … credo che il clima d’odio… manifestatosi nel mese di maggio con scritte su “tutti” i muri di Lugo contro la Lega e Salvini… sull’onda della sua presunta visita in città la mattina seguente… sia stato ben peggio di quattro sacchi di carbone portati da chissà quale befana burlona… per l’ennesima “cagata” urbanistica lughese…!!!

  2. Scritto da BARUZZI LUCIANO

    MEGLIO SAREBBE INTRODURRE IL P.U.T CIOè PEDONALIZZARE IL CENTRO STORICO COME PROPOSE ANNI ORSONO IL WWF LUGO,ESEGUIRE IL PIEDIBUS PER ALUNNI ED I PARCHEGGI AL PERIMETRO EVITANDO COSì L ACCUMULO IN ATMOSFERA DI INQUINANTI PERICOLOSI—LUCIANO BARUZZI GEOGRAFO AMBIENTALISTA LUGO

  3. Scritto da Marco

    Caro sig. Mazzotti, il compagno Salvini è una persona che è quasi arrivato ai 49……anni.
    La separazione fisica tra la strada ed il percorso ciclabile potrà dare la possibilità ai nostri figli di arrivare anche loro a quella età …e magari pure oltre.
    Capisco che per lei magari è importante arrivare con il suo macchinone davanti alla scuola, ma io invece voglio vedere tanti bambini e ragazzini girare in bicicletta, magari in gruppo in modo che continuino a socializzare dal vivo anziché stare in auto chini sui cellulari…

  4. Scritto da Marco

    Caro sig. Mazzotti, il “compagno” Salvini è quasi arrivato ad avere 49……anni ed alla stessa età (e pure oltre) sarebbe bello ci arrivassero anche i nostri figli girando in bicicletta, in sicurezza. Capisco che lei voglia far vedere il suo macchinone scaricando il pargolo direttamente all’interno della scuola, ma noi invece vorremmo che girassero in bicicletta, assieme ad altri amici socializzando dal vivo e non invece tramite telefonino..