All’ospedale di Ravenna la mostra su Paolo Nagai, medico radiologo a Nagasaki ai tempi dell’esplosione della bomba atomica

Più informazioni su

Inaugura oggi, venerdì 17 gennaio 2020, alle ore 18, presso il Dipartimento Emergenza Urgenza, aula 5° piano, ospedale Santa Maria delle Croci, in viale Randi 5, a Ravenna, la mostra su Takashi Paolo Nagai, medico radiologo a Nagasaki, ai tempi dell’esplosione della bomba atomica.

Organizzata dall’associazione Scienza e Vita Ravenna, in collaborazione con lo IOR-Istituto Oncologico Romagnolo e l’Hospice Villa Adalgisa, gestito dalla cooperativa sociale Società Dolce, la mostra vuole far conoscere una figura unica e interessante, sia dal punto di vista scientifico che umano. Un esempio virtuoso, per il personale che opera nella cura e nell’assistenza, in un momento molto complesso per il sistema sanitario nazionale.

Nagai fu medico radiologo a Nagasaki, prima e dopo la tragedia della bomba atomica lanciata sulla città, che portò devastazione e tragedia in una zona con una storia secolare di cristianesimo, ricca di fede, di santi e di martiri.

Attraverso un personale percorso e una ricercata povertà di spirito, Nagai trovò un significato sacro all’orrore, diventando egli stesso esempio di speranza e di pace, aiutando il suo popolo a ritrovare bellezza nella vita e a ricostruire. Il percorso della mostra sulla vita di Nagai obbliga inevitabilmente il visitatore ad interrogarsi sulla propria esistenza.

“Nella distruzione e nel nulla lasciati dalla reazione a catena dell’uranio, Nagai testimonia la vita e la bellezza che nonostante tutto è in ogni uomo. Una considerazione che gli operatori di Villa Adalgisa, Hospice di Ravenna, si trovano a fare ogni giorno – dice Stella Coppola, responsabile del servizio per Società Dolce – e che ci ha convinti ad aderire con slancio a questo bellissimo progetto”. All’inaugurazione sarà presente la curatrice Paola Marenco. La mostra resterà allestita dal 17 al 26 gennaio 2020, con orario e accesso liberi.

Informazioni e visite guidate, al numero 339-8725857

Più informazioni su