Manifestazione delle Sardine a Bologna: anche Greta e la sua famiglia sul palco per i diritti delle persone trans

Greta, la ragazzina trans di Ravenna, assieme al fratello Paolo e ai suoi genitori, Cinzia Messina e Luigi Berardi, saranno oggi sul palco delle Sardine a Bologna per lanciare la raccolta firme in favore di una nuova legge sulla vita delle persone transgender, progetto al quale stanno lavorando da alcuni mesi, assieme alle associazioni LGBT+ che li sostengono.

Il loro intervento è atteso per le 19.30 e condivideranno il palco con altri due ospiti, un ragazzo ipovedente e una ragazza originaria del Mali ma romana di adozione: ognuno leggerà l’intervento dell’altro, proprio a simboleggiare il fatto che le battaglie portate avanti da questi testimonial sono trasversali e condivise.

cinzia messina luigi berardi

“Nello scrivere il contributo sulla nostra storia – spiega Luigi Berardi, padre di Greta – ho cercato di partire dal concetto della disinformazione diffusa sul tema dell’identità di genere, disinformazione con la quale noi stessi ci siamo scontrati. Ci tengo a sottolineare che la battaglia che portiamo avanti non è della comunità LGBT+ contro la società: il nostro obiettivo è di coinvolgere le persone sensibili e di buona volontà, è una battaglia per i diritti di tutte quelle persone che ne hanno meno o non ne hanno”.

Nei prossimi giorni verrà lanciata la campagna di raccolta firme sul web, ancora non ci sono i dettagli, ma seguiranno informazioni precise su dove firmare, anche sulla pagina facebook di Greta (gestita dai genitori) IoSonoGreta_13.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da miki

    E’ una battaglia giusta. Già che la Lega ha promesso di abolire la legge regionale contro l’omofobia.
    Repressi