In attesa del Giro d’Italia, Cervia illumina di rosa la Torre San Michele

Più informazioni su

Dopo il videomapping con immagini storiche delle passate tappe del Giro a Cervia, proiettato sotto il portico del comune durante le festività natalizie, ora il gioco di luci è sulla Torre san Michele. Lo storico monumento rimarrà illuminato di rosa fino al giorno della tappa del Giro che sarà a Cervia il 22 maggio.

L’accensione ufficiale è avvenuta il 30 gennaio in occasione dell’accensione in rosa degli altri monumenti delle città della Romagna (Rimini e Cesenatico) tappe del Giro d’Italia. Erano presenti il sindaco Massimo Medri, l’assessora allo sport Michela Brunelli e il delegato al Giro d’Italia Giovanni Lucchi.

Cervia ha ospitato il Giro d’Italia già tre volte in passato. La prima volta risale al 38°Giro d’Italia, il 28 maggio 1955 con la tappa Ancona-Cervia vinta da Giuseppe Minardi. Il 29 maggio si è svolta la partenza da via Martiri Fantini per la tappa a cronometro Cervia-Ospedaletto-Ravenna vinta da Pasquale Fornara. Al secondo posto Fausto Coppi.

La seconda è stata per il 68° Giro, il 22 maggio 1985 con arrivo sul Lungomare D’Annunzio: la tappa Vittorio Veneto-Cervia, vinta da Franck Hoste. Il 23 maggio ci fu la partenza da Piazza Garibaldi per il tratto Cervia-Iesi.

La terza e la più recente si è tenuta per l’80° Giro d’Italia il 18 maggio 1997. Si tratta della tappa Mestre-Cervia con circuito cittadino e arrivo sul Lungomare D’Annunzio vinta da Mario Cipollini.

Quella del 22 maggio, Cervia – Monselice, sarà una tappa lunga 190 km. Dopo quasi 160 km di pianura, per raggiungere la cittadina euganea si affrontano due impegnative salite dei Colli Euganei. I ciclisti lasceranno Cervia e si dirigeranno a nord lungo la statale Adriatica, toccando Savio, Classe, Ravenna, Mezzano, Alfonsine, Lavezzola e poi entrando in provincia di Ferrara.

Più informazioni su