Quantcast

Punta Marina vandalizzata dai writers: apparse le scritte “Adro” e “Enty” su panchine, muri e sede della Pro Loco

Martedì mattina, 3 marzo, un utente ha pubblicato sulla pagina Facebook “Sei di Punta Marina se…” una segnalazione sulla comparsa “di un’altra scritta su un muro che era stato da poco ridipinto. Deturpata completamente – aggiunge l’utente – la sede della Pro Loco, il parco e i bagni pubblici ed anche la sede della Guardia Costiera in viale dei Navigatori. Deturpare la cosa pubblica e privata è un reato perseguito dalla legge.”

“Adro” (come si legge nella foto), “Enty” sarebbero le firme dei writers, che come riferisce il lettore stanno vandalizzando ogni luogo nella località balneare “dai cartelli, bidoni, alle colonnine e panchine, dove si trovano queste scritte.”

“Per me è intollerabile. Mi chiedo se mai nessuno li veda, mi chiedo se i genitori si accorgano che i loro figli girano con le bombolette nello zaino” conclude l’utente su Facebook.

La polizia locale di Ravenna sta effettuando continui controlli per contrastare il fenomeno del degrado urbano a Ravenna. È stato fatto uno sforzo per censire i writers, gli imbrattatori seriali dei muri. Ne sono stati individuati alcuni, giovanissimi, ai quali sono state attribuite circa 500 scritte, come riferiscono dalla polizia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco

    Purtroppo viviamo in una società menefreghista della cosa pubblica, figurarsi la privata! Però visto la crisi premiate chi vede e denuncia sarebbe già un monito per questi dementi! Ma sono sicuro che una giunta approvasse tale soluzione sarebbe additata di populismo!

  2. Scritto da Giovanni lo scettico

    Bisogna aiutare questi poveri ragazzi: il gesto di deturpare la città con le bombolette spray è dovuto a un grandissimo e terribile bisogno di sberle.

  3. Scritto da Giorgio

    Quando si prendono (e si prendono, perché la furbizia non è sicuramente il loro punto forte), li fai riverniciare almeno 10 muri e se i genitori dicono qualcosa loro pagano ( in euro) almeno altri 10 muri….secondo me dopo la prima volta ci pensano, e se sono recidivi la pena raddoppia sia per i figli che per i genitori

  4. Scritto da Andrea

    Per me i writers sono scrittori,questi sono
    piuttosto dei cacaroni…

  5. Scritto da PV61

    Non date visibilità a questi imbecilli. Denunciate i fatti ma non pubblicate foto o citate nomi.

  6. Scritto da Giancarlo

    Io vedo in giro ragazzi che non fanno una mazza tutto il giorno, poi scandiscono il loro tempo commettendo atti di degrado. Dicono che sono spinti dalla noia… Povera gioventu’ vuota nel cervello. Per fortuna non tutti sono cosi’.