Controlli anti Covid-19, forlivese fermato a Ravenna inventa inesistente colloquio di lavoro

A Ravenna, personale dell’Ufficio Polizia Giudiziaria – Sezione Pronto Intervento, in via Ravegnana, località Ghibullo, nell’ambito dei controlli sul rispetto al DPCM 9 marzo 2020 “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVIC-19”, ha fermato una Renault che percorreva la strada con direzione Forlì-Ravenna. Il conducente, un forlivese di 53 anni, invitato a fornire giustificazioni dei motivi della circolazione, ha dichiarato, sottoscrivendo l’autocertificazione, di essere diretto a svolgere un colloquio di lavoro. Immediati accertamenti hanno escluso la veridicità della dichiarazione. Sottoposto ad alcooltest, l’uomo è risultato essersi posto alla guida in stato di ebbrezza, con tasso alcolemico pari a 0,96 g/l, superiore a quello consentito.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ravennate24ore

    Spero gli facciano un gran mazzo.

  2. Scritto da armando

    si spera che questo individuo venga sanzionato e stangato a dovere !!! SE TUTTI RISPETTIAMO LE REGOLE IMPOSTE, FORSE CE LA FACCIAMO A VENIRNE FUORI, altrimenti chissa quando finira questa grave epidemia.-

  3. Scritto da Ale76

    Da punire in maniera esemplare in quanto non solo si è inventato una cavolata per giustificarsi, ma era anche ebbro alla guida…quindi doppiamente irresponsabile.
    Di gente così non ce ne facciamo nulla