Giacomini (Polizia Locale Ravenna): in 10 giorni oltre 1500 controlli. Gradualmente si va verso il pieno rispetto delle regole

Proseguono quotidianamente i controlli effettuati dalla Forze dell’Ordine, in seguito ai provvedimenti emergenziali emanati da Governo, Regione Emilia Romagna e Comune di Ravenna, e coordinati in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza pubblica, con la Prefettura di Ravenna che volge il ruolo di cabina di regia.

Da un punto di vista organizzativo, Polizia di Stato e Arma dei Carabinieri effettuano i controlli su strada, per verificare che chi si sposta in auto abbia i requisiti per farlo, mentre la Polizia Locale e la Guardia di Finanza controllano le attività economiche.

“Siamo particolarmente impegnati – commenta il comandante della Polizia Locale di Ravenna, Andrea Giacomini -. Abbiamo destinato la maggior parte dei nostri agenti, ai controlli sui provvedimenti previsti per contrastare la diffusione dell’epidemia da Coronavirus”.

“Rispetto alle verifiche che svolgiamo quotidianamente posso confermare che da parte dei cittadini ravennati vi sia una maggiore presa di coscienza della gravità del momento – prosegue -. Ci accorgiamo che le regole vengono rispettate e calano i soggetti che si avventurano in inutili passeggiate o in attività pericolose”.

“I controlli fatti dalla Polizia Locale hanno interessato le attività economiche ma anche le persone in circolazione, poiché al di la del modello organizzativo, tutti controllano un po’ tutto” chiarisce il comandante della PL.

Dal 12 marzo al 22 marzo la polizia locale ha compiuto 1526 accertamenti: 1123 persone controllate e 503 esercizi commerciali. Le verifiche sulle persone “in giro” hanno portato a poco più di 50 denunce per mancato rispetto dei provvedimenti anti-Covid19, mentre un solo esercizio commerciale è stato denunciato. “Numeri che danno un quadro di quella che è la situazione di Ravenna” commenta Giacomini, confermando che gradualmente si va verso un pieno rispetto delle regole”.

controlli polizia locale ravenna

In particolare nel caso delle persone fuori casa, le verifiche prevedono l’accertamento dell’autocertificazione: se le dichiarazioni rese non sono veritiere, e quindi gli spostamenti non sono motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità, o motivi di salute, scatta la denuncia. “Le verifiche si fanno sia immediatamente sia a campione, in un secondo momento” spiega il comandante.

“Per quanto riguarda le attività economiche, verifichiamo che siano chiuse quelle che non hanno i requisiti per restare aperte, e che quelle che possono restare aperte, rispettino gli orari previsti e soprattutto non facciano altre attività”.

Il comandante conclude sottolinenando si essere molto orgoglioso del lavoro che stanno facendo i suoi agenti: “tutti gli agenti della Polizia Locale hanno piena consapevolezza del ruolo che ricoprono in questo momento storico in cui è fondamentale la salvaguardia della salute pubblica. Fortunatamente riusciamo a lavorare in sicurezza, forniti dei necessari dispositivi di protezione individuale, grazie alle scorte gestite dalla Prefettura”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Alfio

    Controllate anche i furbetti che vanno a fare “visite” di cortesia a casa di amici e parenti…. Idioti!

  2. Scritto da Ale76

    ..e tutti gli anziani in bici?? Di sicuro non vanno a lavorare….e dire che sono quelli statisticamente più a rischio…

  3. Scritto da rimghio

    Ma a mio avviso abito in pieno centro a Ravenna in citta penso il comportamemto si piu che accettabile .
    Rispetto a quello che sentiamo im tv forze dell’ordime quasi assenti….!
    Non diciamo altro anzi quasi tutto l’anno