Controlli sulle misure per contrastare il contagio a Cervia: denunciate 5 persone, 18 sanzioni amministrative

La Polizia Locale continua i controlli sulle misure adottate per il coronavirus. Altri 664 controlli sono stati effettuati da lunedì 23 fino a domenica 29 marzo: 205 le attività; 459 le persone, di cui 5 denunciate, 18 sanzionate amministrativamente, 140 in permanenza domiciliare per isolamento. In totale dal 14 marzo sono stati effettuati complessivamente ben 2008 controlli. E’ ancora in consistente calo il numero delle auto in entrata e in uscita nei nove varchi del comune.

“Cogliamo nuovamente l’occasione per ricordare quanto sia indispensabile attenersi scrupolosamente alle norme Ministeriali e alle Ordinanze Regionali e Comunali – spiegano dal Comune -. Ognuno di noi può e deve fare la propria parte, limitando i contatti e attenendosi alle norme, per superare insieme questo momento difficile. Tutte i decreti, le ordinanze, i provvedimenti, le norme e le disposizioni ufficiali sono sul sito www.comunecervia.it“.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da GARDOSO

    Mah … io tutti sti controlli non li vedo e quando li vedo sono per fermare automobili , in compenso vedo tantissima gente a piedi a fare camminate , qualcuno col cane e tante coppie di mezza età .
    Questa storia che si può fare attività fisica vicino a casa deve finire , non ha un senso se non quello di far incrociare tanta gente sulle strade. Addirittura al mattino presto si vedono pure podisti con tanto di tenuta ad alta visibilità correre tranquillamente per le strade come tutto fosse normale.
    NO , non ci siamo proprio per niente , a quanto pare tanta gente ha bisogno del morto in famiglia per capire la gravità della situazione .
    Ma ci vuole tanto a emettere un’ ordinanza che vieta di uscire da casa se non nei casi d’ urgenza ?