Ravenna, benefici per materne e asili pubblici estesi anche al settore privato

Più informazioni su

Nella seconda videoconferenza dei capigruppo consiliari del Comune di Ravenna, avvenuta venerdì scorso, il sindaco Michele de Pascale ha accolto la proposta di Lista per Ravenna, avanzata nella prima teleconferenza da Alvaro Ancisi per estendere i benefici previsti per famiglie e maestranze delle strutture pubbliche anche agli asili e alle materne privati. “Nessun bambino da 0 a 6 anni, iscritto ai nidi o alle scuole materne, pubbliche o private che siano, dovrà costare un euro di retta alle proprie famiglie per tutto il periodo, decorrente dal 23 febbraio, in cui questi servizi sono stati e saranno chiusi a causa del coronavirus; tutti i gestori privati di questi servizi, che hanno messo i loro dipendenti in cassa integrazione, saranno rimborsati dal Comune dei costi fissi e incomprimibili sopportati di conseguenza” commenta Ancisi che si dichiara soddisfatto dei propositi espressi, e raccomanda però – “la massima sollecitudine, date le controversie verificatesi presso talune scuole in attesa di una soluzione da settimane. Auspico anche che Ravenna si faccia promotrice di estendere l’accordo anche ai Comuni di Cervia (dove più si sono manifestate inquietudini nelle famiglie) e di Russi, con i quali è in atto una gestione associata comprensoriale dei servizi sociali facente capo al Comune capoluogo.”

 

 

Più informazioni su