Domenica 12 aprile la cerimonia commemorativa del 75° della Liberazione di Castel Bolognese

Più informazioni su

Castel Bolognese celebra il 75° anniversario della liberazione della città dall’occupazione nazifascista in forma ristretta, stante le misure emanate dal Governo per il contenimento dell’epidemia di  Coronavirus. La cerimonia ufficiale è programmata domenica 12 aprile prossimo.

Il Sindaco Luca Della Godenza con il Vicesindaco Ester Ricci Maccarini, Daniele Meluzzi, Loretta Frassineti e Ilva Bacchilega in rappresentanza dei gruppi consiliari, il comandante della Polizia Municipale Vasco Talenti, il Maresciallo dei Carabinieri Gennaro Voccia, Daniele Bambi in rappresentanza dell’ANPI e l’Arciprete di Castel Bolognese Don Marco Bassi, si recheranno presso i cippi, le lapidi e i monumenti eretti a ricordo della Liberazione per deporre una corona d’alloro. Si partirà dal Ponte del Castello, con la deposizione di una corona al cippo eretto a ricordo dello sfondamento del fronte sul fiume Senio da parte delle truppe alleate, poi si andrà presso le chiese delle parrocchie di  Casalecchio e del Borello per la deposizione delle corone alle targhe poste a ricordo delle relative vittime civili. Si proseguirà poi per la chiesa della Serra dove la corona sarà deposta alla targa che ricorda la Brigata Ebraica. Si tornerà poi in paese  per la  deposizione della corona al monumento eretto ai Caduti per la bonifica dei campi minati poi in via Antolini, per la deposizione di una corona al monumento con campana eretto a ricordo della Liberazione, i 12 rintocchi di campana, l’alzabandiera, e poi nel chiostro comunale per la deposizione di una corona a ricordo delle vittime civili di guerra e del 2° Corpo polacco.

I partecipanti adotteranno le misure di sicurezza come mascherine e distanza di sicurezza.

Più informazioni su