Quantcast

Un decesso e cinque nuovi contagi a Faenza: il commento del Sindaco di Faenza Giovanni Malpezzi

Più informazioni su

“La settimana non è certo iniziata nel migliore dei modi. Dopo quello di ieri, oggi piangiamo un altro decesso, il nono: ci ha lasciato un nostro concittadino di 79 anni, la stessa età della persona di cui avevo riferito il decesso ieri. Stringiamoci attorno alla sua famiglia, a cui vanno le più sentite condoglianze. Oggi contiamo, inoltre, 5 nuovi contagi, quasi tutti riferibili a casi già accertati: riguardano un nucleo familiare (madre, padre e figlioletto di 7 anni), un uomo di 47 anni e una donna di 100 anni. Per tutti, compresa la nostra concittadina centenaria, è stato ritenuto sufficiente l’isolamento domiciliare, non necessitando di cure ospedaliere.” Così Giovanni Malpezzi commenta su Facebook.

“In provincia risultano 55 nuovi casi positivi, un numero molto alto; va però detto che ben 23 casi fanno riferimento alla Casa Protetta Baccarini di Russi, di cui immagino avrete letto le cronache di oggi e 8 ad un’altra struttura di Ravenna. Oltre ai 5 di Faenza, nella Romagna Faentina contiamo altri due casi, uno a Castel Bolognese e uno a Solarolo” continua Malpezzi.

Il Sindaco commenta poi i controlli del weekend. “I dati sui preannunciati controlli svolti durante il weekend di Pasqua da Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Locale nel territorio della Romagna Faentina hanno avuto questo esito: su 497 accertamenti eseguiti sono state elevate 57 sanzioni, prevalentemente da 400 euro ciascuna. Sono state inoltre controllate numerose attività commerciali, che hanno evidenziato, in due casi, il mancato rispetto delle norme, facendo scattare la sospensione dell’attività. Come leggere questo dato, le multe sono tante? Sono poche? Ognuno può trarne le sue valutazioni. Mi preme invece sottolineare due aspetti: il primo è che, se ancora avessimo dubbi, i dati sui contagi di oggi ci confermano che occorre stringere i denti perché il sacrificio di restare a casa sarà purtroppo ancora lungo. Secondo, voglio ringraziare di cuore tutti gli operatori delle Forze dell’Ordine e della Polizia locale per quanto stanno facendo. Oltre a tutto il personale sanitario, anche loro sono tutti i giorni in prima linea nel gestire una situazione anomala, in cui occorre dosare fermezza ma anche comprensione e buon senso, in un quadro normativo farraginoso. Grazie.”

Più informazioni su