Ravenna, Sindaco de Pascale e Costantini: turismo e spiagge, “fondamentale riaprire a maggio”

“Apprendiamo dai quotidiani confronti con i rappresentanti delle associazioni di categoria e l’assessore regionale al Turismo Andrea Corsini – dichiarano il sindaco di Ravenna Michele de Pascale e l’assessore al Turismo Giacomo Costantini – che il lavoro dei tavoli regionali per definire la proposta dei protocolli sulle riaperture delle attività della filiera del turismo è a buon punto. Le proposte fino ad ora emerse ci sembrano idonee e auspichiamo che il Governo e l’Istituto Superiore di Sanità le facciano proprie in tempi rapidi. L’estate, infatti, è vicina e il Governo deve prontamente recepire il contributo che arriva dalla nostra Regione e concedere così agli imprenditori il tempo necessario per prepararsi al meglio e rodare l’organizzazione delle proprie attività. Anche per questo riteniamo che le aperture debbano essere necessariamente previste nel mese di maggio.”

“Ravenna ha 36 chilometri di costa con oltre 200 stabilimenti balneari ed il maggior rapporto tra spiagge libere e spiagge concessionate. Da questa grande risorsa viene generato un indotto vitale, non solo a livello economico ma anche sociale: l’Amministrazione comunale di Ravenna si adopererà in tutti i modi per garantire il miglior servizio anche nelle spiagge libere. – continuano de Pascale e Costantini – Auspichiamo, quindi, che si definisca al più presto l’asseverazione dei protocolli per le riaperture e che le linee guida dettate dal Governo riconoscano alle amministrazioni comunali il ruolo di poter definire l’organizzazione dei propri territori. Ci auguriamo, inoltre, che venga trovata una soluzione di buon senso anche per permettere l’organizzazione di intrattenimenti, dall’arte varia alla musica dal vivo, che sono elemento integrante e imprescindibile della nostra offerta turistica. Ravenna con i suoi nove lidi è da sempre Bandiera Blu grazie alla capacità organizzativa e agli investimenti, che non sono mai mancati nella difesa della costa, nel controllo della qualità delle acque, nei servizi dedicati all’accessibilità, nel servizio di salvataggio, nella pulizia della spiaggia, nella raccolta differenziata dei rifiuti e nel contrasto all’abusivismo. Vogliamo quindi che le nostre spiagge, libere e concessionate, continuino ad essere un’eccellenza nel panorama europeo”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Cornelio

    Ma fondamentale per chi…. piuttosto darei più sostegno a scuole e ospedali finché non è realmente finita.

  2. Scritto da Gianni C.

    maggio? di quale anno??:-)))

  3. Scritto da francesco

    Tutti la stessa parola, aprire aprire, facile dirlo,non ce uno che dica si apre e il protocollo è questo!!! Forse è La solita propaganda!!!