Criticità idraulica e temporali: scatta l’allerta meteo gialla nel territorio del comune di Ravenna

Più informazioni su

Dalla mezzanotte di oggi, lunedì 18 maggio, alla mezzanotte di domani, martedì 19 maggio, è attiva nel territorio del comune di Ravenna l’allerta meteo numero 36 per criticità idraulica e per temporali emessa dall’Agenzia regionale di protezione civile e da Arpae Emilia-Romagna. L’allerta è gialla.

L’allerta completa si può consultare sul portale Allerta meteo Emilia-Romagna (https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it/) e anche attraverso twitter (@AllertaMeteoRER); sul portale sono presenti anche molti altri materiali di approfondimento, tra i quali le indicazioni su cosa fare prima, durante e dopo le allerte meteo, nella sezione “Informati e preparati” (http://bit.ly/allerte-meteo-cosa-fare).

La Capitaneria di Porto specifica inoltre che le previsioni danno possibilità di precipitazioni diffuse, anche a carattere temporalesco organizzato nelle aree appenniniche e sulla Romagna fino a 80-100 mm. La ventilazione è prevista moderata o forte sul crinale appenninico con valori che raggiungeranno temporaneamente Beaufort 8 (62-74 km/h). Il mare sarà mosso o molto mosso. Tutte condizioni tali da costituire possibilità di pericolo per la popolazione e dunque la Capitaneria di porto di Ravenna sensibilizza la cittadinanza al rispetto della propria Ordinanza n°02/2014, che, tra l’altro, prevede il divieto di accesso alle dighe foranee e sui moli guardiani del porto di Ravenna, in caso di condizioni metereologiche avverse.-

Dal Comune si raccomanda inoltre di mettere in atto le opportune misure di autoprotezione, fra le quali, in questo caso: prestare particolare attenzione allo stato dei corsi d’acqua ed evitare di accedere ai capanni presenti lungo gli stessi (se si allaga la golena il capanno deve essere evacuato); fissare gli oggetti sensibili agli effetti della pioggia e della grandine o suscettibili di essere danneggiati; prestare attenzione alle strade eventualmente allagate e non accedere ai sottopassi nel caso li si trovi allagati.

 

Più informazioni su