Weekend post riaperture: com’è andata a Ravenna? La gente in giro c’è, i controlli anche fotogallery

Gente in centro al sabato sera, ma spiagge appena riaperte poco affollate in questa domenica ventosa e dal cielo variabile. Come si è svolto dunque nel ravennate il “fatidico” weekend dopo le riaperture di molti locali, attività e stabilimenti balneari? Tanti i commenti che circolano sul web a riguardo, che vanno da un estremo all’altro: c’è chi grida all’allarme per le troppe persone in giro e c’è chi dall’altro lato minimizza. La verità, come spesso accade, sta nel mezzo.

Il Comandante della Polizia Locale Andrea Giacomini, sentito sulla questione, ci spiega che com’era prevedibile in giro ci sono ovviamente più persone, così come ci sono i controlli da parte delle Forze dell’Ordine. Per ora però non si sono verificati assembramenti pericolosi, ma ci sono molti luoghi di potenziale assembramento che sono attenzionati: qualora dovessero venire meno le condizioni di sicurezza, si prenderanno provvedimenti per eventuali nuove chiusure, ma al momento – dice – la situazione non lo richiede.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Oponopono

    Speriamo bene, perché sembra che non sia successo niente i mesi scorsi. A Marina centro aperitivi senza distanziamento e mascherine abbassate. Uguale in spiaggia, dove in tanti casi non c’era nessun rispetto del distanziamento minimo fra i lettini.

  2. Scritto da AP

    A Marina sembrava che non fosse mai successo niente!
    Mah speriamo bene.
    Non voglio tornare tappato in casa per colpa di 2 spritz o rischiare che qualcuno si ammali .
    E pensare che i nostri nonni a 18 anni dovevano andare in guerra….

  3. Scritto da Gattorosso

    Abbiamo tutti voglia di normalità, ma partendo dalle piccole cose; in un momento storico come questo, dopo tante rinunce, abbiamo avuto modo di riflettere e rivalutare tanti aspetti delle nostre vite. In cima ai valori io metto il rispetto, cosa che non si è riscontrata in tanti comportamenti di questi ultimi giorni.