Week end di controlli per la Polizia Locale nei lidi ravennati: 2 locali sanzionati. In pochi rispettano l’uso delle mascherine fotogallery

La Polizia Locale, durante la scorsa notte, ha ispezionato 4 locali tra Marina di Ravenna e Punta Marina. Quattro pattuglie (Ufficio di Polizia Commerciale e Tutela del Consumatore, Ufficio Periferia – Sezione Mare e Sezione Pronto Intervento), capeggiate dallo stesso Comandante Andrea Giacomini, personalmente presente per l’occasione, tra la mezzanotte e le quattro del mattino, hanno svolto accertamenti lungo l’intero tratto rivierasco per accertare la situazione.

In uno degli esercizi sottoposti a controllo, sono state accertate numerose e gravi trasgressioni alle “Linee guida regionali per discoteche” e, in aggiunta alle sanzioni pecuniarie comminate, per un ammontare di € 2.000, è stata disposta l’immediata sospensione dell’attività per 5 giorni, in attesa della fissazione, da parte della Prefettura, dell’esatto periodo di durata del provvedimento, fino a un massimo di 30 giorni.

In un ristorante della riviera sono state invece accertate carenze organizzative in violazione al “Protocollo di regolamentazione degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande”, con conseguenti sanzioni e, anche in questo caso, sospensione dell’attività per 5 giorni.

In due discoteche, la gestione è risultata adeguata. Quanto, invece, ai comportamenti della clientela e, in generale, dei frequentatori notturni delle località, è stata riscontrata una generale disattenzione e trascuratezza nel rispettare, nonostante i numerosi e chiari avvisi, la misura di prevenzione dell’utilizzo di protezioni delle vie respiratorie nelle occasioni (assai frequenti) in cui non sia possibile garantire continuativamente il mantenimento della distanza di sicurezza.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da obezio

    Battaglia persa, nessuno ha la mascherina, assembramenti e tavolate dovunque. Ci si comporta come se nulla fosse successo. Da Marina a Punta due auto della polizia. E li chiamano controlli.

  2. Scritto da Antonio

    Comunque senza aspettare la mezzanotte se si fanno un giretto ad orario aperitivo anche sui lidi nord in certi bagni è il delirio, altro che mascherine e distanziamento, gli unici che rispettano le distanze sono gli ombrelloni. Se fra qualche settimana non aumenta il numero dei contagi vuol dire che non ce l’hanno raccontata giusta su questo virus

  3. Scritto da Deluso

    Io soprattutto ho visto tanta tanta maleducazione, menefreghismo ed egoismo.
    Pensavo che con i tricolori ai balconi, lockdown, messaggi di solidarietà etc la gente fosse migliore ed invece mi sbagliavo.
    A prescindere che nessuno rispetta le regole c’è anche una forte “sclero” come si dice, sarà il caldo, sarà che non ci accontentiamo mai chi lo sa?
    Persone in auto impazzite a folle velocità per le strade in barba alle bici dei bambini, gente che sotto l’ ombrellone inveisce e minaccia se i bambini a fianco giocano, un anziano che si sente male che si quasi accascia e con questi baldi giovani tattuati dove ce ne fosse stato uno che si sia fermato cosi come per una mamma con 2 bimbi piccoli in difficoltà sulla sabbia e potrei continuare ancora…
    Penso che non sia solo Ravenna o Marina cosi ma un po’ tutto il mondo ma il Ravennate in genere non brilla sicuramente per educazione ed empatia.

  4. Scritto da Sara

    Ieri sono stata tutto il giorno al mare, a marina romea, e non ho visto nell’arco di tutta la giornata un controllo, c’era tanta gente e a parer mio poca attenzione sul rispetto delle norme, un esempio, nell’area giochi si c’è il cartello che possono accedere max 10 bambini e con la supervisione del genitore, in alcuni momenti i bambini erano decisamente molto di più, genitori neanche l’ombra. Allora mi chiedo, perchè in un asilo i bimbi possono stare sono a piccoli gruppi di 5? Per non parlare di tutto il lavoro di sanificazione che è stato imposto alla struttura quando poi nei ambienti pubblici tutto questo non c’è??? Si è riaperto tutto troppo presto mi chiedo? Servono misure più restrittive per tutti? Servono più controlli? Il buon senso si sa ha preso il sopravvento già tanti anni ormai nelle persone, non credo si possa contare su quello!

  5. Scritto da Zeus

    Ottimo lavoro. Grazie.

  6. Scritto da ST

    Mi chiedo, però, se Milano Marittima sia una località di un universo parallelo… su repubblica c’è il video ‘girato’ da un giornalista sabato 4 luglio, e se non è da chiudere quello stabilimento balneare, credo che ognuno sia ormai legittimato a fare quello che gli pare 🙁

  7. Scritto da (San) Michele

    E sui navetti mare tutto ok?
    Sicuri sicuri che la capienza massima consentita di 25 passeggeri sia stata rispettata?

  8. Scritto da NB

    Hanno ispezionato ben 4 locali …. in pratica il 4% delle attività tra stabilimenti balneari, discoteche e street bar di Marina di Ra e Punta.
    Un CONTROLLONE !!!
    Se i controlli li facessero sul serio, tra venerdì e sabato, specialmente di notte…..
    Sono già 2 weekend che qua al mare ognuno fa come vuole, assembramenti ovunque e mascherine inesistenti.
    Ecco il senso civico dei nostri “turisti”.
    E poi dai, siamo seri, 2000€ di sanzione …. ma cos’è? è già tempo di saldi anche per le sanzioni?
    A me sembra una presa per i fondelli nei confronti di coloro che invece le norme le rispettano.
    Ci vuole più serietà e severità.
    Viva la solita repubblica delle banane.