Tragedia a Lido di Dante. Finiscono in balìa delle onde: tre vengono salvati, un quarto muore fotogallery

Più informazioni su

Intorno alle 17 di oggi pomeriggio, domenica 12 luglio, quattro amici, probabilmente di origine pakistana e residenti fuori provincia, che si trovavano sulla spiaggia libera di Lido di Dante sono finite in balìa delle onde e sono stati sospinti al largo: sono intervenuti nei primi soccorsi i bagnini e alcuni surfisti del posto, che hanno recuperato tre dei quattro – tutti in condizioni non gravi – mentre l’ultimo del gruppo è risultato disperso.

Sono subito partite le ricerche, coadiuvate dalla Capitaneria di Porto. Le ricerche sotto costa con i mezzi navali sono state rese impegnative a causa della forte risacca, dai bassi fondali e dalle onde alte, che hanno condizionato anche le ricerche di superficie. È stato così richiesto l’intervento dell’elicottero dei Vigili del Fuoco con i sommozzatori, giunto tempestivamente da Bologna e di un mezzo nautico, sempre dei Vigili del Fuoco, giunto invece da Ravenna: il disperso è stato successivamente ritrovato nei pressi della foce dei fiumi uniti sul lato di Lido Adriano, portato a riva e soccorso dai sanitari del 118, ma purtroppo per l’uomo, sui 30/40 anni, di cui al momento non sono ancora note le generalità, non c’è stato nulla da fare. Sul posto anche la Polizia Municipale.

La Guardia Costiera ricorda di non sottovalutare mai i pericoli connessi al mare agitato, specie se non si è particolarmente abili nel nuoto, e che sulle spiagge è esposta idonea cartellonistica in lingua italiana, inglese, francese e tedesco, che illustra il significato delle bandiere issate sulle torrette di salvamento dei bagnini: rossa per balneazione pericolosa per cattivo tempo o assenza del bagnino, bianca, regolare attivazione del servizio di salvamento, gialla, vento forte con obbligo di chiudere gli ombrelloni.

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Patroclo

    Da sempre in spiaggia si assiste a comportamenti da incoscienti, da parte di adulti, e, bambini i cui genitori tranquillamente seduti sotto l’ombrellone , o c.que lontano dalla riva ,sono impegnati ..a chattare.. durante la esposizione della bandiera rossa!