Mobilità sostenibile a Ravenna: al via la sperimentazione in città della circolazione di 350 monopattini e segway

Più informazioni su

L’amministrazione comunale di Ravenna intende avviare la sperimentazione della circolazione in città di veicoli destinati alla micromobilità elettrica, monopattini e segway, e per farlo si affiderà alla libera imprenditoria, consentendo a chi ne farà richiesta l’opportunità di attivare servizi di sharing free floating effettuati con tali mezzi. Ai veicoli verrà imposta una regolamentazione della velocità nelle aree pedonali.

I soggetti interessati potranno presentare apposita Segnalazione certificata di inizio attività per il noleggio di veicoli senza conducente allo Sportello per le Attività produttive e predisporre un servizio di recupero e ricollocazione dei mezzi nelle aree che verranno individuate e definite dal Comune nonché dotarsi di un regolamento per l’uso, da condividere con gli uffici prima dell’avvio del servizio.

Non è prevista l’erogazione di contributi economici, ma per favorire il buon esito dell’iniziativa sono stati considerati interventi di comunicazione e promozione del servizio.

La circolazione di monopattini e segway è normativamente equiparata a quella delle biciclette e consentita negli stessi luoghi; pertanto l’amministrazione intende incentivare l’uso di tutti i mezzi legati alla micromobilità sostenibile che contribuiscono a creare il sistema urbano della mobilità pianificato già nel Piano Urbano della Mobilità Sostenibile (PUMS) e raggiungere gli obiettivi che lo stesso si prefigge.

I monopattini da introdurre in circolazione non potranno superare le 350 unità; è questo infatti il numero ritenuto congruo in relazione ai criteri di sicurezza della circolazione, di decoro urbano, di rispetto delle normative e anche in considerazione degli ulteriori veicoli del servizio di bike sharing che saranno presto in condivisione. In occasione di particolari eventi l’amministrazione si riserva di autorizzare temporanei aumenti della flotta di monopattini e segway. La sperimentazione terminerà il 31 ottobre 2021.

“La circolazione di monopattini e segway – affermano l’assessore alla Mobilità Roberto  Fagnani e al Turismo Giacomo Costantini – darà ulteriore impulso a Ravenna quale città a misura d’uomo; attraverso la mobilità leggera, in declinazione con tutte le altre azioni legate alla riqualificazione in chiave sostenibile del  trasporto pubblico locale su gomma e ferro, si continua a valorizzare la città all’insegna della rigenerazione urbana, del contrasto al consumo di suolo, del risanamento ambientale, della realizzazione di infrastrutture verdi a favore di residenti e turisti; tale esperienza potrà essere successivamente replicata nei lidi e nel parco marittimo dove andrà ad integrare il servizio di bike sharing”.

A breve saranno inoltre introdotte nella circolazione urbana, nell’ottica di potenziamento della sharing mobility, 240 biciclette a pedalata muscolare e 50 a pedalata assistita con un servizio finanziato dal Comune.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emanuele

    Ricordo come sono andate a finire le bici free-flow di due anni fa… Altro flop in arrivo.

  2. Scritto da Un abitante di San Michele

    Va tutto bene ma l’amministrazione comunale si preoccupi anche di effettuare le tanto sospirate piste ciclabili perché non tutti abitano in centro a Ravenna. Vedi la ciclabile da Fornace Zarattini a San Michele.

  3. Scritto da Simone

    Ma qualcuno lo sa che Segway è appena fallita???

  4. Scritto da cromwell

    Ci sono anche quelli di Obike che volevano trapiantare Singapore a Ravenna?

  5. Scritto da Maria

    Occhio a chi sfreccera’ senza dare la precedenza!

  6. Scritto da Massimo

    Che tristezza e noi facciamo fatica a mantenere le famiglie.
    Lì useranno in 4 dopo poco saranno in condizioni penose e non interessano a nessuno.

  7. Scritto da Giovanna

    Pista ciclabile anche da Carraie a Ravenna, non mi stancherò di dirlo.
    La Via Cella è pericolosissima in bici.

  8. Scritto da leo

    figuriamoci “sfrecciare” sulle ben tenute strade o ciclabili o marciapiedi di ravenna – il casco non è obbligatorio – si salvi chi può