Ravenna, è un’infermiera di 54 anni la vittima della montagna nel bellunese

Più informazioni su

Si chiamava Maria Cristina Zanellato la donna di Ravenna trovata senza vita sul Monte Coppolo, nelle Dolomiti bellunesi, nella mattinata di mercoledì 15 luglio, dopo che, avventuratasi in un’escursione solitaria nella giornata di martedì, se n’erano perse le tracce, dando così avvio alle operazioni di ricerca. Maria Cristina aveva 54 anni e faceva l’infermiera presso l’Ospedale di Ravenna dove aveva lavorato a lungo nelle ambulanze del 118 e ultimamente era passata al servizio di assistenza domiciliare. Viene descritta come una donna sempre sorridente, solare, disponibile e grande amante della montagna.

Era in vacanza a Lamon, nella zona di Feltre, con il compagno. Era partita martedì in solitaria per un giro sul Monte Coppolo, inviando un’ultima foto al suo compagno dalla cima, attorno a mezzogiorno e mezzo, come riportano le cronache locali. Da quel momento, di Maria Cristina, si sono perse le tracce. Le ripetute chiamate senza risposta del compagno, lo hanno spinto infine a lanciare l’allarme, con il soccorso alpino di Feltre partito per ricercarla. La mattina successiva, ieri, infine, il tragico ritrovamento, un centinaio di metri sotto la cima del monte. La salma è stata recuperata con un verricello dall’elicottero di Trentino Emergenze e trasportata alla camera mortuaria dell’ospedale di Feltre, prima del trasferimento a Ravenna.

Il Soccorso alpino di Feltre è stato allertato intorno alle 21.50. Da un selfie che la donna aveva spedito, i soccorritori sono risaliti a un escursionista fotografato assieme a lei. L’uomo ha raccontato di essere partito dopo di lei e di aver trovato lungo la discesa in cresta cappellino e bandana, che aveva raccolto per riconsegnarglieli di persona pensando li avesse persi, riporta Il Gazzettino. Una squadra, accompagnata da persone del posto e da un soccorritore del Sagf, una quindicina di persone in tutto, si è distribuita lungo i sentieri, finché sopra un salto verticale non è stato trovato un bastoncino che apparteneva all’escursionista. Appena fatta luce, l’elicottero di Trento emergenza ha imbarcato un soccorritore di Feltre ed è volato sulla verticale al punto del ritrovamento. Purtroppo un centinaio di metri più sotto è stato subito individuato il corpo senza vita della donna.

Maria Cristina Zanellato, che viveva a Grattacoppa, lascia il compagno e un figlio di 19 anni.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Diana

    R.I.P.