Coltivava marijuana sull’argine del Santerno per spacciarla: arrestato dalla Polizia 59enne di Lugo

La Polizia ha arrestato B.M., 59enne residente nel comprensorio lughese, per il reato di coltivazione e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nella mattina dell’11 agosto 2020 gli Agenti del Commissariato di Lugo, all’esito di un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione del consumo e smercio di sostanze stupefacenti, hanno individuato, sull’argine del fiume Santerno poco prima dell’immissione dello stesso nel fiume Reno, una coltivazione di diverse piante di marijuana.

Dopo un appostamento, protrattosi per qualche ora, gli agenti hanno osservato un individuo che si recava nel sito per annaffiare. L’uomo, immediatamente fermato, è stato identificato per il 59enne B.M. nei confronti del quale gli investigatori del Commissariato di via Emaldi hanno eseguito una perquisizione domiciliare in seguito alla quale hanno sequestrato 8,2 grammi di marijuana oltre a 20 grammi di semi della medesima pianta.

B.M. è stato arrestato per il reato di produzione e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Le tredici piante che si trovavano sull’argine del fiume sono state sequestrate, unitamente ad un kayak che B.M. utilizzava per raggiungere il luogo ove le piante si trovavano a dimora. Questa mattina il giudice unico di primo dopo la convalida dell’arresto ha rinviato la discussione del processo al 25 novembre prossimo, rimettendo in libertà B.M.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carmelo

    si fa quel che si può per campare. questo tipo di società non va bene.