Donna picchiata in Via Staggi a Ravenna: sono in corso le ricerche del compagno che l’ha aggredita foto

Più informazioni su

Una donna è stata aggredita e picchiata da un uomo – il suo compagno o marito – oggi sabato 17 ottobre, alla prima periferia di Ravenna, in via Staggi. Il fatto è accaduto intorno alle 11, in una piccola proprietà agricola nel tratto di strada che va da via Canale Molinetto a Porto Fuori. Al 112 è arrivata una segnalazione su una donna vittima di violenze da parte di un uomo. Sul luogo si sono subito recati i Carabinieri di Ravenna, che hanno infatti trovato la donna, 36 anni, italiana, in stato di shock per le percosse subite da parte del compagno o forse marito, serbo, di alcuni anni più giovane di lei, noto agli inquirenti per dei precedenti penali. Alla vista degli uomini dell’arma l’uomo si è dato alla fuga nei campi. La donna è stata soccorsa dal 118 e portata in ospedale in codice giallo: portava addosso diversi segni – ematomi – causati probabilmente dai colpi ricevuti con un corpo contundente, forse un bastone. L’aggressione è stata violenta, la donna pare sia stata colpita selvaggiamente. Non è in pericolo di vita. Le ricerche dell’aggressore sono ancora in corso. Sul posto anche il nucleo investigativo operativo e un elicottero dei Carabinieri.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gattorosso

    Solidarietà alla donna vittima dell’ennesimo episodio di violenza, spero non venga più avvicinata da questo essere che non mi sento di chiamare uomo. Non aggiungo altro.

  2. Scritto da Enzo

    Nome e cognome dell’energumeno e pubblicare la foto visto che è noto alle forze dell’ordine. E’ giusto che tutti sappiano !