Inseguimento “da film” lungo l’Adriatica su due auto rubate. La Polizia ferma uno dei malviventi

Scene da film americano, con inseguimento, tamponamento ed infine cattura del malvivente. E’ quanto è accaduto lungo l’Adriatica, tra Ravenna e Alfonsine, nella notte tra lunedì 19 e martedì 20 ottobre. Tutto ha avuto inizio quando il sistema di telecamere di controllo, ha segnalato la targa di un’autovettura rubata.
I carabinieri si sono messi alla ricerca dell’auto, individuata lungo l’Ss16 tra Alfonsine e Mezzano. A poca distanza è stata notata una seconda auto, anch’essa rubata ma al segnale di alt, da parte delle forze dell’ordine, le due auto hanno tentato la fuga, dividendosi.
Una, inseguita dai carabinieri, è finita dopo poco in un fosso a lato strada, e il guidatore è riuscito a far perdere le proprie tracce. L’altra ha proseguito la corsa in direzione Ravenna, inseguita dalle volanti della Polizia.
A causa della forte velocità l’auto rubata è finita contro un camion e poi contro il guard rail, e a quel punto è stata bloccata dalle auto della Polizia. Il malvivente alla guida,  dopo un breve inseguimento a piedi, è stato fermato e arrestato.
Durante l’inseguimento due volanti sono state danneggiate e due poliziotti sono rimasti leggermente feriti.  Per entrambi prognosi di 8 giorni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Armando

    Complimenti e un augurio di pronta guarigione ai due Carabinieri feriti.- speriamo una giusta punizione per il malvivente, sarebbe gratificante per loro.

  2. Scritto da ST

    Gli agenti non avevano ancora finito le scartoffie burocratiche che la nostra Magistratura (per carità: probabilmente sono le leggi che fanno schifo, in Italia) metteva l’ottimo cittadino-ladro rumeno agli arresti domiciliari. L’ottimo cittadino-ladro e potenziale assassino, perchè guidare in quel modo significa fregarsene delal sicurezza degli altri automobilisti, ciclisti o passanti che avrebbero potuto essere AMMAZZATI. Questa è la giustizia italiana. Mi chiedo come sia possibile pretendere che Poliziotti e Carabinieri continuino a rischiare la propria pelle per un paese del genere 🙁