Arrestato dai carabinieri di Faenza per aver rubato un giubbotto: ”ma io volevo pagare”

Una telefonata al numero di emergenza “112” ha segnalato che due cittadini stranieri avevano perpetrato un furto all’interno di un negozio di abbigliamento del centro di Faenza. Giunti sul posto i Carabinieri della Stazione di Faenza hanno notato due dipendenti, all’interno del negozio, intente a parlare con un cittadino straniero, indicandolo come uno degli autori del furto appena prima segnalato.

L’individuo, un marocchino di 27 anni, aveva tentato di uscire dal negozio indossando un giubbotto sottratto poco prima. L’uomo aveva avuto una colluttazione con le due commesse, strattonando, spingendo e ferito a un braccio una delle due.

La responsabile del negozio ha dichiarato che due individui di sesso maschile, stranieri, erano stati visti aggirarsi con fare sospetto nell’esercizio. Una commessa aveva notato i due indossare capi d’abbigliamento sottratti nel negozio e la donna aveva invitato i due a riporre i capi oppure a pagarli. Uno dei due, tuttavia, era riuscito ad allontanarsi con indosso i capi facendo perdere le proprie tracce.  L’altro, invece, era stato fermato dalle due commesse con addosso ancora il giubbotto rubato.

L’indagato ha dichiarato di non voler “rubare” ma di essere intenzionato a pagare, atteggiamento che mal si concilia con il fatto che lo stesso aveva già indosso il giubbotto all’uscita dal camerino di prova, peraltro occultato sotto una maglia.

I Carabinieri della Stazione hanno arrestato il soggetto per rapina impropria in concorso e condotto il soggetto al carcere di Ravenna come disposto dal pm di turno. L’arresto è stato, poi, convalidato e il gip, Sabrina Bosi, ha  disposto l’immediata liberazione del soggetto con applicazione della misura cautelare dell’obbligo di presentazione quotidiana alla p.g.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giampiero

    Complimenti al giudice per l’immediata scarcerazione. Comunque uno è riuscito a rubare quello che voleva, l’altro stavolta no e dovrà riprovarci domani. Intanto può andare davanti al negozio e farsi vedere dalle commesse che non gli fanno nulla, anzi se vuole è lui che può aspettarle quando escono la sera e vanno sole verso casa…. Si sono prese spintoni e botte per farlo arrestare e questo è il risultato….la prossima volta lo rifaranno o si gireranno dall’altra parte? Che schifo..