In tantissimi al convegno su “La foresta urbana” di Cervia. Presto sarà online disponibile per chi se l’è perso

Più informazioni su

Sono state circa 4000 le visualizzazioni nelle due sessioni e oltre 200 i partecipanti che hanno seguito in streaming (su Facebook e YouTube) il convegno “La bellezza di vivere in una foresta urbana“, organizzato dal Comune di Cervia, nell’ambito del progetto Adriadapt. Al centro del convegno l’importanza di costruire una città sempre più green, con focus sulle foreste urbane, sui progetti di paesaggio urbanistico e sugli ecosistemi green.

Da giovedì 5 novembre saranno disponibili sul sito www.cerviacittagiardino.it tutti gli interventi  dei relatori intervenuti al convegno: si sono alternati studiosi di cambiamenti climatici, di comunicazione e educazione ambientale”, amministratori (tra questi l’assessore regionale Irene Priolo che ha illustrato il progetto “4 milioni e mezzo di nuovi alberi”), architetti del verde e manager di  progettazione urbana. Focus sugli effetti benefici delle aree verdi  all’interno del sistema urbano  dove il verde diventa fattore mitigante del regime termico e del nostro benessere.

“E’ un  risultato che ci riempie di soddisfazione e conferma  la forte vocazione ambientalista della nostra città  – dichiara il sindaco del Comune di Cervia Massimo Medri – ringraziamo  tutti i partecipanti alla diretta streaming, molti dei quali hanno seguito tutte le sessioni del convegno. Ringraziamo   tutti i relatori per gli interessanti spunti forniti, l’impeccabile moderatore Roberto Diolaiti, Presidente Pubblici Giardini, e i  partner che hanno reso possibile la realizzazione di questo  appuntamento”.

Il convegno è stato realizzato nell’ambito di Adriadapt –  Interreg Italia-Croazia, il progetto europeo sui cambiamenti climatici lungo le le coste dell”Adriatico di cui fa parte anche Cervia e ha goduto del patrocinio del Ministero dell’Ambiente, Regione Emilia-Romagna, Anci Emilia-Romagna, European Arboricultural Council, Parco del Delta del Po, Green City Network e Pubblici Giardini.

Più informazioni su