A San Marco allevatore di visoni colpisce attivista animalista con un bastone, fa gesti sessisti e vìola norme di sicurezza

Più informazioni su

Ieri sera 19 novembre la trasmissione Le Iene ha diffuso un servizio sulla protesta animalista contro l’allevamento dei visoni, che svela un retroscena di quanto è accaduto a San Marco, alle porte di Ravenna, durante un’azione di protesta realizzata nei giorni scorsi dall’organizzazione Essere Animali. L’obiettivo della manifestazione degli animalisti era chiedere alle istituzioni la chiusura urgente degli ultimi 9 allevamenti di animali da pelliccia ancora attivi in Italia, “per le gravi sofferenze a cui sono sottoposti gli animali e per il rischio di diffusione di coronavirus, dopo i casi di visoni infetti rilevati in diversi Paesi nel mondo, tra cui l’Italia.” Durante l’azione, un’attivista di Essere Animali è stata colpita alle spalle con un bastone. L’uomo ha poi insultato e fatto gestacci sessisti contro gli attivisti, fra l’altro non indossava nessun dispositivo di protezione individuale, come mascherina, guanti e camice. Il video mostra il momento in cui l’uomo colpisce l’attivista e poi fa il volgare gesto sessista che si commenta da solo.

San Marco

“A parte lo spavento per i nostri attivisti, le violazioni dell’operatore alle norme di biosicurezza anti Covid-19 sono gravissime. Diversi studi stabiliscono che sono gli allevatori malati a contagiare i visoni e in Olanda e Danimarca sono stati già documentati oltre centinaia di casi di successivi salti di specie inverso, dal visone all’essere umano. Inoltre, secondo una nuova analisi scientifica, sette Paesi segnalano infezioni da coronavirus in esseri umani con mutazioni legate al visone, in Olanda, Danimarca, Svizzera, Sud Africa, Russia, Stati Uniti e Isole Faroe. Mutazioni che potrebbero anche ostacolare la ricerca di un vaccino, rendendo l’allevamento di animali da pelliccia un problema sanitario di natura mondiale”, dichiara Brenda Ferretti, outreach manager di Essere Animali. “Il rispetto delle norme di sicurezza negli allevamenti di visoni è quindi fondamentale per preservare la salute di tutta la nostra comunità, anche in un allevamento come quello a San Marco di Ravenna, nonostante le condizioni dei 1000 visoni rinchiusi siano state monitorate dai carabinieri del Nas e dai servizi veterinari dell’Azienda Usl Romagna, i quali non hanno riscontrato sintomi clinici riferibili a infezioni.”

L’organizzazione rinnova l’appello urgente al Governo per chiedere con una legge che vieti la produzione di pellicce e imponga la chiusura di tutti gli allevamenti italiani di visoni. “L’Assessore alle Politiche per la Salute dell’Emilia-Romagna, Raffaele Donini, ha espresso a parole il proprio consenso, ma le Regioni possono chiudere gli allevamenti per motivi legati a esigenze di tutela della salute pubblica. È necessario quindi passare dalle parole ai fatti, anche per lanciare un segnale al Governo che intervenga con un divieto nazionale”, conclude Brenda Ferretti.

Foto credit “Essere Animali”.

San Marco

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovanni lo scettico

    Non ho capito se gli attivisti si sono introdotti nell’allevamento per fare quelle riprese o sde sono rimasti fuori.

  2. Scritto da ST

    Quattro esagitati sfaccendati che rompono le scatole ad un poveraccio che lavora. Francamente io sto dalla parte di chi ha perso la pazienza.

  3. Scritto da Armando

    …io sto con ST !!! ci pensera’ la legge a far chiudere questi allevamenti.- finchè sono autorizzati a tenere aperti…questi cosa vogliono?

  4. Scritto da marco

    Oggigiorno tutto è lecito e le provocazioni e gli estremismi trovano sempre spazio quando non anche supporto e simpatia da parte di media e social: in una società democratica che funziona ci sono norme e leggi che vanno seguite e fatte rispettare, o modificate ed aggiornate seguendo le regole che ci siamo dati. Oggi ogni singolo o pochi individui mettono continuamente in discussione ogni cosa e spesso agiscono contestando quelle stesse leggi che di fatto danno loro la possibilità di esprimersi sino anche a tollerare modi oltre le righe che non finiscono per mettere sullo stesso piano contestati e contestatori. Questi ultimi, oltre che miopi estremisti anche inconsapevolmente incoerenti ?

  5. Scritto da marco74

    Cosa dire!! Sei contrario a qualcosa , ok sei libero di esprimere la tua opinione ma quando tu violi la libertà di un’altro hai già oltrepassato ogni limite, io personalmente sarei contrario agli allevamenti di visoni ma quando vedo che gli stabili del proprietario sono stati imbrattati di scritte hai oltrepassato il limite che ti è concesso e dalla ragione passi al torto!! Sarà l’amministrazione pubblica a dare responsabilità..
    Ricordo che tutti noi bene o male abbiamo qualcosa con della pelle, quindi prima di fare della morale guardiamoci in casa!!
    e se vogliamo veramente cambiare dobbiamo iniziare da noi stessi….