Quantcast

Indetto sciopero nazionale di tutto il personale comparto Sanità Pubblica: assicurati i servizi essenziali

L’Azienda USL della Romagna informa la cittadinanza dello sciopero generale nazionale di tutte le categorie e i comparti pubblici e privati indetto dall’Associazione Sindacale USI e dello sciopero generale nazionale di tutto il personale del comparto Sanità Pubblica proclamato dall’Associazione Sindacale USB Pubblico Impiego Sanità per l’intera giornata di domani, 25 novembre 2020.

Nella giornata dello sciopero saranno assicurati i servizi essenziali, nel rispetto della vigente normativa, attraverso l’individuazione dei contingenti minimi di personale a garanzia delle prestazioni indispensabili e non dilazionabili, equivalenti ai servizi minimi assicurati normalmente nei giorni festivi.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Armando

    Capisco le ragioni degli scioperi, ma chiedo ai Sindacati che proteggono (???) i lavoratori: è questo il momento di indire scioperi, del personale che ha garantito lavoro e stipendio ???? Questo personale ora serve per proteggere tutti gli Italiani: BISOGNA LAVORARE DOVE IL LAVORO C’E’, NON fare sciopero.-!!!! La mia tessera Sindacale è finita da tanto tempo nel cestino e non me ne pento, pur lavorando nel privato.-

  2. Scritto da fausto

    Visto come lo Stato li ha trattati, dopo averli osannati in tempi di crisi solo pochi mesi fa, hanno la sacrosanta ragione ..
    e nessuna parte politica si è preoccupata di riconoscerne concretamente poi (direi da giugno in avanti) il merito della dedizioni profusa, in ciò accomunata dalla gran parte dei media, per di più attenti ai propri fini commerciali e di interesse della proprietà dei medesimi.
    Non si sono fatte le assunzione sebbene fosse stato riconosciuto indispensabile farle.

  3. Scritto da leo

    cari sindacati e muoversi prima ? se carenza di personale e cattiva gestione con errori
    di progettazione spazi esistevano da sempre perchè non agire prima – questa estate perchè non avete chiesto in previsione di una seconda ondata uno sciopero per avere
    sotto controllo la situazione