Il PD piange la morte di Paolo Bocchini, storico militante e responsabile dell’allestimento della Festa dell’Unità

Più informazioni su

È scomparso improvvisamente all’età di 73 anni Paolo Bocchini, storico militante del Partito Democratico: si è spento questa notte, per gli esiti di un infarto che l’aveva colpito sabato scorso.

“Sembrano non finire mai le brutte notizie in questo 2020, così terribile che ci ha portato via anche il caro Paolo – lo ricorda il segretario provinciale del Pd, Alessandro Barattoni -. Anima e colonna insieme alla sua Bruna della Festa dell’Unità Ravenna, splendido volontario del Partito Democratico Ravenna oltre che dello Spi-CGIL era un punto di confronto e spesso di conforto per tanti, di sicuro per me. Per via del cantiere al Pala de Andrè e delle limitazioni legate alla pandemia ci eravamo ripromessi di pensare insieme ad una festa diversa e sempre più bella non appena le condizioni ce lo avessero consentito. È un dolore grande, Un abbraccio alla moglie Bruna e a tutti i suoi cari”.

Anche le iscritte e gli iscritti del Partito Democratico Circolo Casadei Monti (ex Scintilla) si stringono alla famiglia e ai cari di Paolo Bocchini: “È un dispiacere grande per la nostra comunità che si stringe con un abbraccio alla moglie Bruna e a tutti i suoi cari. Il suo sorriso e il suo esempio mancheranno a tutti noi”.

Paolo Bocchini era nato il 28 gennaio del 1947, lascia la moglie Bruna, una figlia e un nipote. Dal Pd lo piangono e lo ricordano come un collaboratore impegnato nelle attività del suo circolo, il Casadei Monti di via San Mama, e da 3 anni responsabile dell’allestimento della Festa dell’Unità di Ravenna.

La data delle esequie non è ancora state decisa.

Più informazioni su