Dal 12 novembre è operativa anche la Pro Loco di Lido di Dante 

Più informazioni su

Dal 12 novembre anche Lido di Dante ha la sua Pro Loco. La località turistica infatti era l’unica del Comune di Ravenna ad essere senza una Pro Loco. Un gruppo di residenti storici e di operatori economici della località ha così costituito l’associazione senza fini di lucro Proloco Lido di Dante al fine di promuovere d’intesa con le istituzioni locali e regionali il turismo nella località e per essere interlocutore del Comune di Ravenna e presso gli enti pubblici che ne hanno competenza. A comporre il primo comitato direttivo dell’associazione sono stati chiamati Andrea Scarabelli (presidente), Giovanni Assenza (vice presidente) e Lisa Lolli (consigliera). Nei primi mesi del 2021 il Comitato presenterà il programma degli eventi per l’estate al fine di attrarre maggiori presenze turistiche.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fidenzio

    Ho letto della recante nascita della Pro loco di Lido di Dante con Andrea Scartabelli come presidente.

    Scarabelli era amministratore di un gruppo Facebook di Lido di Dante e,d a mio parere, si è dimostrato antinaturista nel Gruppo cercando di colpevolizzare i naturisti del fatto che alcuni personaggi commettevano atti osceni anche in pineta e cacciando chi, come chi scrive, ed altri , cercava di dare una reale informazione sull’idea naturista totalmente estranea a certi atti in pubblico per il rispetto di tutti.
    Si diceva che certi personaggi dovevano essere combattuti dalle forze dell’ordine per il fatto che violavano la legge che dal 2016 sancisce una sanzione elevata pari a 10.000 € se pagata subito ottenendo una riduzione ed un massimo che arriva a 30000€ : cifra che se la possono permettere solo i benestanti ed i nullatenenti.

    Mi auguro che Andrea Scarabelli si ravveda anche per l’interesse turistico del Lido e che la Pro Loco lavori nella giusta direzione.