#ioapro Ravenna. Comitato Sicurezza e Sindaco: “Sconforto comprensibile, ma legalità principio non derogabile”

Più informazioni su

A breve distanza dall’entrata in vigore del D.L. 5 gennaio u.s., n.1, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza sanitaria da COVID-19,  il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto di Ravenna Dott. Enrico Caterino, è tornato a riunirsi oggi alla presenza del Vice Sindaco di Ravenna Eugenio Fusignani, dei Vertici delle Forze di Polizia, del Responsabile del Dipartimento dell’Igiene Pubblica dell’AUSL Romagna, nonché dei Comandanti della Sezione Polizia Stradale, della Polizia Provinciale e della Polizia Locale di Ravenna.

Covid e campagna vaccinale

La riunione è stata indetta, spiegano dalla Prefettura, in primo luogo per tracciare un quadro informativo in ordine all’andamento della campagna vaccinale e alla pianificazione dei relativi servizi di scorta dei trasporti e di vigilanza dei siti adibiti allo stoccaggio e alla somministrazione dei lotti di vaccino assegnati alla provincia.

Ai fini della migliore realizzazione dell’articolata campagna vaccinale, sono state coinvolte tutte le Forze dell’Ordine, comprese le specialità della Polizia di Stato, che attraverso un coordinato concorso nei dispositivi di sicurezza garantiscono un imprescindibile contributo alla riuscita dell’intera operazione, che le vedrà certamente impegnate anche nei prossimi mesi.

In tale ottica, spiegano, è stata condivisa l’opportunità di dare ulteriore impulso all’attività di monitoraggio e presidio del territorio, al fine di scongiurare azioni illecite ovvero iniziative di dissenso che possano pregiudicare il complesso sistema di tutela della salute collettiva. Tale strategia di intervento improntata alla massima severità risponde all’esigenza di garantire un’efficace azione di contenimento e mitigazione del contagio, che non può non ispirarsi a quei criteri di prudenza e di massima precauzione ai quali devono uniformarsi i comportamenti di tutti i cittadini.

La protesta di alcuni ristoratori

Nel quadro così delineato, avanzano dalla Prefettura, “si è sviluppato il confronto circa l’iniziativa preannunciata sui social network di riaprire, anche in questa provincia, le attività di ristorazione nelle fasce orarie interdette (la cosidetta protesta #ioapro, n.d.r.) Questa forma di disobbedienza verso le norme che impongono questi specifici divieti ha incontrato il netto ed incondizionato dissenso di tutte le componenti presenti alla riunione, che nei vari interventi hanno sottolineato come la gravità delle intenzioni manifestate dagli operatori di categoria, qualora poste in essere, scatenerebbero inesorabilmente un’impennata della diffusione del virus con inevitabili ricadute sui livelli di tenuta del sistema sanitario locale”.

Un altro aspetto oggetto di valutazione è stato quello “dell’inconciliabilità dell’iniziativa con il principio di legalità e conseguentemente dell’impossibilità di poter tollerare tali forme di protesta, che richiedono interventi improntati al massimo rigore e fermezza. La convergenza delle opinioni espresse durante la riunione impongono – pur comprendendo la situazione di forte disagio in cui versano gli imprenditori e i lavoratori della ristorazione e dei pubblici servizi –  l’adozione di misure stringenti in virtù del prevalente interesse pubblico alla prevenzione e repressione delle violazioni ed in particolare modo dei reati che potranno configurarsi sulla base della vigente disciplina in materia di inosservanza delle norme previste per il contenimento e la diffusione epidemiologica in atto”.

Alla luce di tali valutazioni, dichiarano dalla Prefettura, “richiamare la sensibilità delle comunità locali sulla necessità di un attento e consapevole rispetto delle misure precauzionali, rappresenta un imperativo per tutte le componenti istituzionali e locali, al fine di ovviare alle più gravi conseguenze che deriverebbero dall’applicazione delle sanzioni di carattere amministrativo e penale previste a tutela della salute pubblica”.

L’appello del Sindaco

In sintonia con quanto sopra, il Sindaco di Ravenna Michele de Pascale ha ritenuto di formulare il seguente appello: “La rabbia lo sconforto e la preoccupazione degli imprenditori e dei lavoratori della ristorazione e di tutti i pubblici esercizi è assolutamente comprensibile e come istituzioni siamo al loro fianco nel richiedere  provvedimenti equi  ristori adeguati. La tutela della salute va messa al primo posto, ma questo non significa non comprendere il danno dell’economia. Detto questo mi sembra di rivolgere a tutti gli operatori un appello sincero e accorato per il rispetto assoluto delle regole. Ravenna è una città civile dove la pluralità di opinioni e il dissenso rappresentano un valore in cui però il rispetto delle regole e la legalità sono un principio non derogabile”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Armando

    Stending ovescion di 20 minuti per il nostro ottimo sindaco

  2. Scritto da Roberto

    Facile,il sindaco però tutti i mesi lo stipendio lo prende tutti i mesi,anche con la pandemia.

  3. Scritto da Armando

    Assolutamente sì, il sindaco lo prende per intero, senza nessun rischio e pericolo di cadere in cassa integrazione. Facile elargire la sua comprensione in queste condizioni. Forse avrebbe reagito con qualche sproloquio in più se fosse stato un professionista colpito dalla pandemia.

  4. Scritto da batti

    certo che i commenti hanno tante e tutte le ragioni, ma ci sarà pure un motivo che per salvare la salute e la vita questo stato non è in grado di fare come i TEDESCHI,anzi se non fosse per i tedeschi non ci presterebbe denaro neppure gli usurai

  5. Scritto da leo

    settore offshore finito – turismo finito – come si pensa di creare lavoro finita la
    pandemia ? costruendo rotatorie dove non servono ? e anche assurde vedi ex macello
    o con centri commerciali sempre più vuoti – o forse mantenendo lavori infiniti come
    palazzo del comune – o il pronto soccorso da sistemare e le scuole da adeguare
    che pena