Varate le nuove misure anti-Covid in vigore fino al 5 marzo. L’Emilia-Romagna è arancione

Più informazioni su

Sono già stati pubblicati i dati del monitoraggio dell’ISS Istituto Superiore di Sanità relativi al periodo che va dal 4 al 10 gennaio: sono i dati che porteranno alla decisione del governo di assegnare alle Regioni gli ormai famosi colori di fascia – bianco, giallo, arancione, rosso – che saranno ufficializzati da un’ordinanza del Ministero della Salute ed entreranno in vigore lunedì 18 gennaio. Secondo questi dati Lombardia e provincia di Bolzano sono zona rossa (al rosso si aggiunge, con un’ordinanza, anche la Sicilia). Altre 12 regioni invece sono zona arancione e fra queste c’è l’Emilia-Romagna. Con la nostra regione Abruzzo, Lazio, Liguria, Piemonte, Puglia, Umbria, Veneto, Friuli, Marche, Calabria e Valle d’Aosta. Le altre regioni sono gialle. Non risultano al momento regioni bianche. Desta allarme l’Rt nazionale, in aumento da cinque settimane, salito a 1,09 (si riferisce al periodo 23 dicembre – 5 gennaio).

IL DOCUMENTO DELL’ISS

“Si osserva un aumento complessivo del rischio di una epidemia non controllata e non gestibile nel Paese dovuto ad un aumento diffuso della probabilità di trasmissione di SARS-CoV-2 in un contesto in cui l’impatto sui servizi assistenziali rimane alto nella maggior parte delle Regioni. Lo evidenzia il monitoraggio Iss-ministero della Salute.
L’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 1,09 (range 1,04-1,13) in aumento da cinque settimane. «Questa settimana si conferma il peggioramento generale della situazione epidemiologica nel Paese già osservato la settimana precedente», si legge nel documento relativo al periodo fra il 4 e il 10 gennaio.
Si osserva, per la seconda settimana consecutiva, un aumento dell’incidenza a livello nazionale negli ultimi 14 gg: 368,75 per 100.000 abitanti (28/12/2020-10/01/2021) vs 313,28 per 100.000 abitanti (21/12/2020-03/01/2021)». Due Regioni/PPAA (Bolzano e Lombardia) hanno un Rt puntuale maggiore di 1,25 anche nel limite inferiore, compatibile quindi con uno scenario di tipo 3 (zona rossa, ndr).

IL NUOVO DPCM

Già approvati il nuovo Dpcm e il relativo decreto che stabiliscono regole e divieti per contrastare la diffusione del virus, con misure valide fino al 5 marzo 2021. Si mantiene il sistema di divisione dell’Italia per fasce di colore e in attesa del monitoraggio definitivo di questa mattina si conferma che le regioni a rischio alto andranno automaticamente in zona arancione (è il caso dell’Emilia-Romagna). Si ribadisce ovunque il coprifuoco dalle 22 alle 5 così come l’obbligo di mascherina all’aperto e al chiuso.

IL TESTO COMPLETO: Dpcm_14gennaio2021

Stop agli spostamenti regionali – Non si potranno superare i confini della regione anche per chi è in fascia gialla. Secondo il nuovo provvedimento fino al 15 febbraio 2021 è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome, salvi gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Seconde case – Fino al 15 febbraio è vietato andare nelle seconde case che si trovano fuori regione. Se si è residenti in una regione in fascia arancione è vietato andare nella seconda casa fuori dal proprio comune. L’unica deroga riguarda motivi di urgenza, ad esempio la riparazione di un guasto oppure per recuperare oggetti o materiale indispensabile. Lo spostamento deve durare il tempo di risolvere il problema.

Non più di due – Il governo ribadisce la norma sulle visite ad amici e parenti che limita gli incontri nelle abitazioni private. Nelle regioni in fascia gialla «lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata è consentito, nell’ambito del territorio comunale, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le 5 e le 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi».

Piccoli comuni – Rimane la deroga sugli «spostamenti dai Comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia».

Divieto di asporto nei bar – Nelle regioni arancioni rosse o arancioni bar e ristoranti rimangono chiusi, in quelle gialle potranno invece aprire fino alle 18 sempre con la regola di massimo quattro persone al tavolo. Dopo le 18 è sempre consentita la consegna a domicilio, ma per i bar sarà vietato l’asporto. Una misura decisa per evitare assembramenti di fronte ai locali. Rimane «consentita senza limiti di orario la ristorazione negli alberghi e in altre strutture ricettive limitatamente ai propri clienti, che siano ivi alloggiati».

Impianti da sci – Slitta la riapertura degli impianti da sci inizialmente prevista per il 18 gennaio. Nel nuovo Dpcm è scritto che «a partire dal 15 febbraio 2021, gli impianti sono aperti agli sciatori amatoriali», ma dovranno comunque essere messe a punto «apposite linee guida da parte della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome» che dovranno essere «validate dal Comitato tecnico-scientifico, rivolte a evitare aggregazioni di persone e, in genere, assembramenti».

Musei, teatri e cinema – I musei e le mostre sono aperti «dal lunedì al venerdì con esclusione dei giorni festivi» e con ingressi contingentati nelle regioni in zona gialla. In zona arancione o rossa restano chiusi. Sempre chiusi i cinema e i teatri.

Palestre e piscine – Fino al 5 marzo è stato prorogato il divieto di apertura di palestre e piscine ma già la prossima settimana il Cts potrebbe approvare le nuove linee guida proposte dal ministero dello Sport e autorizzare almeno le lezioni individuali.

La fascia bianca – Nelle regioni con «scenario di tipo 1 (Rt sotto l’1) e livello di rischio basso, ove nel relativo territorio si manifesti una incidenza settimanale dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti» scatta la fascia bianca e tutte le attività potranno essere aperte.

Scuola – Le scuole secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione didattica in modo che, a decorrere dal 18 gennaio, almeno al 50% e fino ad un massimo del 75% della popolazione studentesca sia garantita l’attività didattica in presenza, fatte salve le diverse disposizioni individuate da singole Regioni. La rimanente parte dell’attività si svolgerà a distanza. Resta garantita la possibilità di svolgere attività in presenza qualora sia necessario l’uso di laboratori o per garantire l’effettiva inclusione scolastica degli alunni con disabilità o con bisogni educativi speciali.

Nei servizi educativi per l’infanzia, nelle scuole dell’infanzia e nel primo ciclo di istruzione (scuole primarie e secondarie di I grado) la didattica continua a svolgersi integralmente in presenza. È obbligatorio l’uso di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, fatta eccezione per i bambini di età inferiore ai 6 anni e per i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina.

È possibile lo svolgimento in presenza delle prove concorsuali selettive, con un numero di candidati non superiore a 30 per ciascuna sessione o sede di prova. Saranno quindi ricalendarizzate le prove del concorso straordinario per la secondaria di I e II grado interrotte a novembre e si darà avvio gradualmente allo svolgimento delle prove delle altre procedure concorsuali.

Restano sospesi i viaggi d’istruzione, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le uscite didattiche, fatte salve le attività inerenti i percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO). Le riunioni degli organi collegiali potranno svolgersi a distanza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di RavennaNotizie, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ST

    Stupenda la presa in giro (comunque da ‘zona gialla’) dei musei aperti solo nei giorni feriali. Fa il paio con i teatri sempre chiusi. Franceschini non si rende conto di essere diventato un… mi autocensuro, ok, così potete pubblicare il commento? 🙂

  2. Scritto da Babbeo

    Come citato nell’articolo “obbligo mascherina all’aperto” da quando? L’obbligo c’è stato fino al 3 dicembre su iniziativa della regione….. Poi guardando i dati dal sito della regione Emilia Romagna e facendo le dovute proporzioni noto con piacere che dal 23 dicembre ad oggi i casi ogni 100000 abitanti sono meno di 50 di media, solo in 2 giornate si è sforato in regione, quindi che cosa giustifica l’arancione anzichè un giallo, un rosso o un bianco? Sotto i 50 su 100000 non era zona bianca o è a discrezione comunque? perchè cosi sembra veramente la carota per fare andare avanti l’asino

  3. Scritto da Wainer

    Che inutile governo….ora giochiamo a strega comanda colore…

  4. Scritto da batti

    se si lascia andare tutto sarà una strage.(adesso abbiamo le prove svezia e GB)uno stato dovrebbe sostenere chi non può avere un reddito per salvare la vita alle persone (suoi futuri clienti) la GERMANIA LO FA,perchè l italia non lo fa’oppure meglio perchè non può permettersi di farlo????